Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Poesie minuscole, di Colomba Di Pasquale, edito da Fara 19/10/2020
 
Poesie minuscole

di Colomba Di Pasquale

Prefazione di Vivian Lamarque
Postfazione di Anna Ruotolo

Fara Editore

Poesie

Pagg. 96

ISBN 978-88-9293-007-0

Prezzo Euro 10,00


Il contenuto è tutt’altro che minuscolo


Occorre riconoscere che il titolo della raccolta è veramente azzeccato, perché si tratta di poesie notevolmente corte, quasi delle impressioni impresse sul foglio nel timore che fuggano dal magazzino della mente. Un altro poeta probabilmente ne avrebbe approfittato per considerarle degli spunti su cui costruire un discorso più ampio e invece Colomba Di Pasquale non è improbabile che le abbia acconciate per farle diventare in via definitiva dei componimenti. Non siamo al livello della celebre Mattina di Ungaretti, brevissima e folgorante, né si sarebbe preteso così tanto, eppure non mancano guizzi di particolare rilievo in grado di tenere a mente quanto si è letto (Basterà il tempo da vivere / per essere felici?, oppure Scrivere serve a poco / in un paese che non legge). Si tratta solo di due esempi, due riflessioni che tuttavia sottendono una risposta, tali da farle classiificare quasi come aforisma e la ragione è presto detta, perché nel primo caso è la dimostrazione di come la felicità, inseguita giorno per giorno, sembri una chimera, mentre nel secondo è un’amara constatazione di un qualcosa che è peculiare del nostro paese. Ce ne sono forse anche di più indovinate come questa: i poeti seminano parole / a raccogliere frutti di stagione. Come è possibile comprendere si tratta quasi di istantanee, brevissime e facilmente comprensibili, un caso non infrequente, e non poche volte finiscono con l’essere dei consigli spassionati come “ti togli un sasso dal cuore / e ti liberi un po’”. Altre volte invece emergono ricordi, immagini che si materializzano e che tradotte in parole si fissano sulla carta, come “i fenicotteri disegnarono una f reccia / di sopra le nostre teste zeppe di stupore, oppure sono manifestazioni amorose, espressioni di sentimento autentiche, per quanto ponderate “sei tu il mio volo / tu che mi doni un piccolo tempo / quando puoi / ogni giorno o due.

Sono sincero nel dire che è una lettura agevole, ma insolita, un contatto con la poesia che si esaurisce, come si suol dire in “un amen”, uno sfioramento più che altro, ma che tuttavia lascia il suo segno perché impone continue riflessioni, comparazioni che ci toccano direttamente e che quei pochi e scarni versi fanno affiorare.

Da leggere, quindi, a casa come in treno, al parco come in spiaggia, poiché questi versi si rivelano anche un piacevole passatempo, tuttavia non fine a se stesso, visto che implementano meditazioni personali, fenomeno non consueto nel caos della vita moderna.



Colomba Di Pasquale vive e lavora a Recanati. Tra le sue opere in versi: Viaggio tra le parole (Del Monte 2006); Una vita altrove (Nicola Calabria 2007); Il resto a voce (Fara 2008); Dulcamara (prefazione di Vivian Lamarque, Genesi 2010); Il mio Delta ed dintorni (prefazione di Vivian Lamarque, Fara 2014); Circostanze certe (Fara 2017); Poesie minuscole (ebook, Nomos 2017).



Renzo Montagnoli


 
©2006 ArteInsieme, « 010536269 »