Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Ninfa dormiente, di Ilaria Tuti, edito da Longanesi 11/11/2020
 
Ninfa dormiente

di Ilaria Tuti

Longanesi Editore

Narrativa romanzo

Pagg. 380

ISBN 9788830451551

Prezzo Euro 18,60


Troppa carne al fuoco


Il primo romanzo di Ilaria Tuti che ho letto è stato l’ultima opera di questa narratrice friulana e si tratta di Fiore di roccia, un riuscito omaggio al duro e pericoloso lavoro delle portatrici nel corso della Grande Guerra. L’impressione che ne ho ricavato è stata positiva, tanto che l’ho giudicato buono e non un capolavoro a causa di una certa discontinuità logica, presente in tutte le parti, meno in quella finale. Poi, come i gamberi sono andato a ritroso e ho letto Ninfa dormiente, lavoro di tutt’altra natura, un thriller per intenderci dove si trova di tutto: dal bellissimo disegno di una ninfa addormentata realizzato con il sangue a una valle, per certi versi misteriosa, la Val Resia, abitata da popolazioni di origini slave in cui si svolge buona parte del romanzo, il tutto avvolto da un alone di mistero e condito da scomparse e uccisioni di esseri umani in modo decisamente sanguinario. E’ un’indagine difficile e pericolosa quella che conducono il commissario Teresa Battaglia e il suo aiutante l’ispettore Massimo Marini, in un ambiente paradisiaco quale può essere una valle alpina, ma anche ostile, teso a conservare un segreto con qualsiasi mezzo; a ciò si aggiungono le problematiche personali dei due poliziotti e che occupano una parte non trascurabile del romanzo che, se da un lato procede con la giusta tensione che si richiede per un thriller, dall’altro s’ingarbuglia sempre di più con l’introduzione di riti sciamanici e di cerimonie sacrificali con aspirazioni anche esoteriche, però mai concretizzate. In tutta sincerità devo ammettere che l’opera mi ha avvinto perché non c’è di meglio di un mistero irrisolto che, ogni tanto, si crede di aver svelato, ma che subito riprende corpo, per attirare di nuovo l’attenzione del lettore. Tuttavia, mano a mano che si procede diventa sempre più difficile districarsi fra realtà e turbe psicologiche, tanto più che l’origine del tutto risale al 20 aprile 1945 e si perpetua negli anni successivi in un guazzabuglio di morti ammazzati perché non parlino e di altri che invece spariscono perfino dalle tombe del cimitero. Francamente, pur sempre più teso a conoscere la verità tanto che ho accelerato il ritmo di lettura, piano piano mi è venuto il sospetto che la soluzione avrebbe potuto rivelarsi una delusione, come poi è effettivamente stato. E così la torta troppo arricchita e troppo lievitata si è sgonfiata come un pallone e ci si chiede come sia possibile che l’omicida sia quello che viene rivelato e soprattutto come faccia il commissario Battaglia a intuire chi sia il serial killer, salvando in modo fantasioso se stessa e il suo ispettore. E’ un peccato, anche perché mi è stato riferito che il precedente romanzo con protagonista sempre lo stesso commissario, vale a dire Fiori sopra l’inferno, è molto bello; a voler essere sinceri non è che Ninfa dormiente sia brutto, perché allo scopo di interessare per qualche ora il lettore riesce assai bene, ma alla fine la delusione prevale su tutto e quindi ci si rammarica per quel che poteva essere buono e che invece si rivelato appena discreto.



laria Tuti vive a Gemona del Friuli, in provincia di Udine. Ha studiato Economia. Appassionata di pittura, nel tempo libero ha fatto l’illustratrice per una piccola casa editrice. Nel 2014 ha vinto il Premio Gran Giallo Città di Cattolica. Il thriller Fiori sopra l'inferno, edito da Longanesi nel 2018, è il suo libro d'esordio. Ha scritto anche: Ninfa dormiente (Longanesi, 2019) e Fiore di roccia (Longanesi, 2020).


Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 010536246 »