Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  La memoria dell'acqua, di Antonio Messina - Edizioni Il Foglio 05/07/2007
 

La memoria dell'acqua

di Antonio Messina

Introduzione di Elisabetta Blasi

Copertina di Danilo Messina e Oscar Celestini

Edizioni Il Foglio

http://www.ilfoglioletterario.it/;

ilfoglio@infol.it.

Narrativa – raccolta di racconti

Pagg. 150

ISBN: 9788876061288

Prezzo: € 12,00

 

 

L'armonia è quella sensazione di elevazione dello spirito che ci rende quasi invincibili; è una forma d'amore, la forma d'amore più completa che esista in tutto l'universo. Per arrivare a questa forma d'elevazione spirituale ci sono voluti parecchi secoli, e l'istinto è fondamentale per attivare il processo.

Avevamo compreso che solo con la ragione non si arrivava a nulla, a parte vivere un'esistenza materiale e per certi versi fragile e misera. Con l'armonia, invece, tramite la memoria dell'acqua, si poteva sondare un mondo che appariva lontano, quel mondo che la tua amica scrittrice aveva giustamente definito Ottembre: una realtà percepibile solo con l'immaginazione…

 

Questa raccolta di racconti di Antonio Messina è un'opera di alto impatto filosofico, il cui messaggio appare chiaramente sintetizzato nella parte sopra riportata.

In un mondo quale il nostro, dominato dalle ferree regole della logica e del pragmatismo, i nostri occhi non riescono a vedere oltre le immagini che per la nostra mente rappresentano la realtà, una limitazione che anziché fortificarci ci indebolisce, ci toglie il piacere di vivere, ci rende schiavi della nostra limitata conoscenza.

Per vivere un'esistenza degna di essere chiamata tale occorre perciò che convivano, in perfetto equilibrio, l'istinto, l'armonia e il sogno.

E questo libro, infatti, non è da leggere con gli occhi, con quella razionalità che nel passare dei tempi si è radicata a tal punto dal farci diventare incapaci di comprendere se non nei ristretti termini di regole che ci siamo create.

E' da leggere invece con il cuore, istintivamente,  immergendoci nei mondi senza tempo che l'autore utilizza per ambientare le vicende di supporto al suo concetto filosofico. Apparentemente, si potrebbe dire che i racconti fanno parte del genere fantasy, ma non è proprio così, perché invece ci troviamo di fronte a delle raffinate metafore, perfettamente integrate in una prosa poetica che fa scorrere dolcemente le pagine, riga dopo riga.

E il ritorno all'istinto è imprescindibile dal rientrare in umiltà a far parte della natura, di smettere quella superbia che ci illude di essere a conoscenza dei suoi segreti.

E' una natura, quella dipinta da Messina, che è personaggio nei racconti, che crea quell'atmosfera di sogno a cui lasciarsi andare e così troviamo venti che serpeggiano fra i dirupi innevati, cieli che sembrano coperte di raso, una magica luna che nella notte immobile cambia il colore ai gerani, periodi di alto lirismo, visioni oniriche che conducono all'estasi.

Se il messaggio è filosofico, la forma utilizzata è di una apparente lievità, una sorta di carezza che scende dritta fino al cuore, ottenuta anche con il ricorso agli ossimori, che in un mondo vagheggiato di sogno e di irrazionalità trovano una loro precisa collocazione, come un riflesso di luce in un quadro surrealistico (la quiete che agita il cuore; il silenzio urlante).

Preciso che fino a ora ho scritto solo del primo racconto, di quella Memoria dell'acqua che dà il titolo alla raccolta, oltre a essere quella portante del messaggio.

L'opera però comprende altri due racconti lunghi: La piuma degli angeli, a tema religioso, e Polvere nel vento, dedicato al valore della scrittura.

In verità, poi, ci sono altre sei prose, assai più brevi, ma dei veri e propri squarci su stati d'animo, espressi prevalentemente tramite dialoghi, quasi degli incipit di eventuali successivi lavori.

Se ho preferito soffermarmi sul primo racconto, non è perché gli altri siano qualitativamente inferiori, ma solo perché in questo il pensiero di Antonio Messina finisce con l'essere di introduzione ai successivi e dilaga, nella sua concettualità, in modo chiaramente esplicativo, conducendoci per mano alla scoperta di un mondo che ignoravamo.

Quindi è un'opera innovativa, di elevato valore, che, ripeto, richiede per essere compresa solo lo sforzo di abbandonare il nostro pragmatismo, lasciandoci andare, senza remore e timori, al fluire delle parole.

 

Antonio Messina nasce nel 1958 a Partanna, in provincia di Trapani. Vive a Padova. La sua prima opera di narrativa L'assurdo respiro delle cose tremule, incontra l'entusiasmo di molti lettori, ed anche la critica spende parole d'elogio. L'opera viene recensita su quotidiani, riviste telematiche e cartacee, e riesce a vendere un buon numero di copie in libreria, senza nessun supporto pubblicitario, grazie al passaparola dei lettori. Nel 2006 viene pubblicata la raccolta di racconti La Memoria dell'acqua - con introduzione di Elisabetta Blasi – per i tipi de  Il Foglio Letterario, Piombino.

Altri racconti vengono singolarmente editi:

-         da L'ombra nella Bottiglia è stato realizzato, nel [2005], un cortometraggio. Il progetto è partito su iniziativa del direttore artistico (Roberto Messina) del Teatro Scuola Grifo D'oro – nell'ambito di un concorso nazionale patrocinato dalla Regione Sicilia, provincia di Trapani, comune di Partanna, BBC Belice, Atp Trapani. Questo cortometraggio sull'alcolismo ha vinto nel [2005] il Primo premio a Città di Castello; il testo inoltre viene richiesto dalle migliori riviste telematiche e, pubblicato in cartaceo da Progetto Babele (Modena), da Tam Tam (Roma), nel [2005]

La Marea. Il racconto viene pubblicato, nel[2005], dalla rivista sarda Gemellae e richiesto dalle migliori riviste telematiche, anche internazionali: Casa da Cultura (Portogallo) Isla Nigra Sud America.

 

Alcune liriche sono presenti in qualificate antologie poetiche:

-         E noi ad Amarci in antologia - Parole d'Amore, [2006]
Il Gesto in antologia- di I Segreti di Pulcinella, [2005]
Sogni di Carta in antologia  Penna D'oca, [2005]
L'editore è Giulio Perrone, Roma

La lirica Fiumi di porpora compare nella sezione poetica della Biennale di Venezia-Repubblica.It.

Ai primi di settembre uscirà il suo prossimo lavoro, Le Vele di Astrabat, edite sempre da Il Foglio.


 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011846517 »