Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Recensioni  »  Gabriele D'Annunzio nelle lettere a Giancarlo Maroni, di Ruggero Morghen, edito da Solfanelli 06/12/2010
 

Gabriele D’Annunzio

nelle lettere a Giancarlo Maroni

(1934)

di Ruggero Morghen

Edizioni Solfanelli

www.edizionisolfanelli.it

Saggistica

Collana Micromegas

Pagg. 88

ISBN 978-88-7497-703-1

Prezzo € 8,00

 

D’Annunzio meno mito

 

Chi sia Gabriele D’Annunzio penso,  e spero, lo sappiano tutti, mentre assai meno noto è Giancarlo Maroni, tanto che viene lecito chiedersi chi fosse mai costui che, fra l’altro, poteva permettersi una fitta corrispondenza con il grande poeta abruzzese.

Giancarlo Maroni (Arco, 1893 – Riva del Garda, 1952) è stato un architetto, anzi l’architetto del Vittoriale, la dimora Mausoleo di Gabriele D’Annunzio a Gardone, ove si ritirò dopo l’esito infausto dell’impresa fiumana.

Quindi, fu in virtù di questo incarico che si avviò un’intensa corrispondenza fra i due, reperita da Ruggero Morghen e di cui si disserta in questo breve, ma interessante saggio.

In effetti può sorprendere come un epistolario possa gettare nuova luce su un artista tanto amato dagli italiani da venerarlo, spesso senza mai aver letto qualcosa di suo. In queste lettere, in cui si esprimono giudizi su alcuni lavori realizzati, si formulano ipotesi su altri, si chiedono e si rilasciano consigli, si rileva un progressivo affiatamento che porta al sorgere di una vera e propria amicizia, ma soprattutto si notano caratteristiche dell’uomo D’Annunzio che, nel separarlo da quell’alone di mito di cui lui stesso si era circondato, lo rendono più simpatico evidenziando una comune vulnerabilità.

Il poeta è tutto lì, è carne e ossa, sentimenti e affetti non da dio, ma da umile mortale, e in questa riscoperta di una dimensione normalmente umana in un’artista che finì con il diventare prigioniero del suo mito sta tutta la sua reale grandezza; ha fretta che l’opera sia conclusa, perché sa di essere mortale, e infatti, quattro anni dopo le lettere di questo epistolario che risalgono al 1934, Gabriele D’Annunzio morirà per un’emorragia cerebrale.

Sorgono spontanee molte domande, vista la differenza fra il D’Annunzio uomo e il D’Annunzio vate, ma una sopra tutte: fu fascista? Si può rispondere tranquillamente che non lo fu, benché il fascismo gli dovette molto. Se posso esprimere una personale opinione, dico solo che Gabriele D’Annunzio fu certamente uomo di destra, conservatore, ma libertario, non inquadrabile in nessuna ideologia politica, amante dell’ordine, ma anche di comportamenti fuori dei canoni, insomma un personaggio complesso in cui luci e ombre si alternavano con sorprendente rapidità.

Il saggio di Morghen è quindi un elemento prezioso per conoscere di più il poeta abruzzese, ma lo è anche per avere un altro angolo di visuale di un anno del ventennio che inevitabilmente si riflette, è presente in quelle lettere.

Da leggere, quindi, perché ne vale la pena.

 

 

 

 

Ruggero Morghen (1957) di Riva del Garda, laureato in sociologia all’Università di Trento con una tesi sulla rappresentazione dell’ambiente montano nella cinematografia, è pubblicista e bibliotecario. Da anni lavora presso la Biblioteca civica della sua città, dove si occupa in particolare di catalogazione ed acquisizione di nuovi documenti al Catalogo bibliografico trentino.
Ha pubblicato varie opere di letteratura e satira – tra cui il "Dizionario del Belpensante" – e sue poesie sono apparse in forma antologica. Nel 2007 ha pubblicato "La perdutissima setta" (Solfanelli, Chieti), sulle rappresentazioni della massoneria nei documenti pontifici.

 

 

Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 08254936 »