Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
  Poesie  Racconti  Poesie in vernacolo  Racconti in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  In ricordo di Oriana Fallaci, di Danila Oppio 13/07/2017
 

In ricordo di Oriana Fallaci

di Danila Oppio



Chi ama un uomo

Ne ama anche i difetti

Che gli stanno incollati

Come fastidiosi insetti.


E lei lo amava

Il suo Panagulis

Lo amava

Non volendolo ferire

pur se lui

La faceva soffrire.


Ne amava le colpe

Bugie, miserie e volgarità

Bruttezze, contraddizioni

Il suo corpo non perfetto

La sua caparbietà.


E lo disse, lo scrisse

Nel suo libro Un uomo

E ne dipinse il ritratto

Di quell’amante guerriero

Rivoluzionario e poeta

Dal giusto pensiero.


Alekos, morto di libertà.


Terribile dolore

Attraversò di Oriana

L’anima, pur se lei diceva

Che all’anima, da atea

non credeva.


Ed ora, nell’eternità

hanno ritrovato

Il loro bambino

Di cui Oriana scrisse

Non essere mai nato.


 
©2006 ArteInsieme, « 08112820 »