Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia  Poesie di Natale  Racconti di Natale 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  E poi il mare, di Donatella Nardin 06/01/2018
 

E poi il mare

di Donatella Nardin



E poi il mare.

Così silenzioso, così contrito

nel calice muto del petto

come se al mondo più nulla

esistesse.

E poi l’onda notturna, così stretta,

vibrata, come un lampo

d’imbiancate memorie sul piazzale

assonnato.

Accoglie la notte e le sue moltitudini

grate lo smeraldo splendente,

indistinto qua e là fino a graffiare

la bocca, ogni volta di più

esposti noi nell’urgenza dell’essere

o nel mancarsi pacato


noi figli di un acquoreo disegno

all’infinito.



Da Terre d’acqua (Fara, 2017)

 
©2006 ArteInsieme, « 014127987 »