Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
  Poesie  Racconti  Poesie in vernacolo  Racconti in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Tempus fugit, di Adriana Pedicini 02/12/2018
 
Tempus fugit

di Adriana Pedicini



Rivoli di nuvole

su alberi affastellati alla foresta

doriche colonne di cielo ellenico

nel baluginante bagliore del mattino,

prati merlettati di asfodeli

tra le trine di bianche margherite

ai bordi della pietraia laddove l’erba

manto rigoglioso stende alla terra

madida della fredda acqua del torrente

che gonfio serpeggia tra le avide radici

di tronchi sbilenchi ad inseguirsi

come bimbetti arditi sulle ghiaiose rive.

Lontano un latrato sonnacchioso

e stanchi belati di ovini consunti

dal fuggevole battito del tempo.


Da Il fiume di Eraclito (Mnamon, 2015)


 
©2006 ArteInsieme, « 09044828 »