Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Parlami, di Aurelio Zucchi 10/02/2020
 
Parlami

di Aurelio Zucchi





Quando vedi la luna maculata,

palla tra palle di nubi antracite,

distante da me oltre il normale,

parlami perché ne ho bisogno.



Se il mare più non risponde

al minimo accenno di un abbraccio

o l’alba tradisce il suo migliore intento,

parlami perché voglio ascoltarti.



Guardando il nostro luna park,

non arriverà la musica del gioco

o lo schiamazzo di un bambino re.

Sono io che ho spento tutto.



Ho consumato notti promettenti,

le ho imbrattate di colori assurdi.

Ho cadenzato stelle al mio capriccio

e ora, credo, è meglio non guardarle.



Ho spinto il cuore in un dirupo

e adesso cerco di recuperarlo

mentre freddo, pioggia e vento

fanno di tutto per scoraggiarmi.




* Fiorino d’argento alla XXXVII Edizione del Premio Firenze - Sezione poesia inedita (2019)


 
©2006 ArteInsieme, « 010407492 »