Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Ombre, di Luigi Panzardi 16/09/2020
 
Ombre

di Luigi Panzardi




Tornano a volte inattese ombre brune
impastate di vecchi pensieri.
Tornano in irta onda informe
che l'animo ingroppa
smarriti i sensi delle stagioni.
Il gioco maligno dei cattivi ricordi,
ignei gastrici riflussi ricorrenti,
sobilla il cuscino sul quale s'agita il capo.
Appaiono croste d'argilla d'una calanca
e nella notte di plenilunio
l'aquilone quadricromo
che vola senza filo
innalzandosi sicuro di sé.
A esso non ha nulla da dire il mare scuro
che sbatte ancora contro l'anziana sponda
esausta scarnificata dal monotono canto.
Lontano sembra d'un faro fittizio
il guizzo spavaldo di luce improvvisa.
L'approdo è la strada fino alla collina
che ha la cima appesa al vuoto della notte
per andare a veder morire una stella
e a inseguire i nostri spiccioli di giorni
risucchiati da una immensa ombra nera.
 




 
©2006 ArteInsieme, « 010435016 »