Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Dalla retina alla corteccia, di Angela Caccia 11/10/2020
 
Dalla retina alla corteccia

di Angela Caccia



Dalla retina alla corteccia

della notte si teme

la profezia che cela

anche con le finestre chiuse

la luna può farsi insidiosa –


a sera

nella camera oscura del ventre (*)

ricomponete i minuti raccolti preziosi – poi –

ancora una volta accecate i cantori !


che un po’ di futuro si faccia remoto


(*) Nel libro biblico dei Proverbi la נשמת חיּים nishmat ḥayyîm (soffio di vita) riferita all’uomo è «una lampada del Signore, che illumina le camere oscure del ventre» (20,27) ovvero le profondità dell’anima.


Da Accecate i cantori (Fara, 2017)

 
©2006 ArteInsieme, « 010481491 »