Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Senza dire nulla, di Aurelio Zucchi 30/03/2021
 
Senza dire nulla

di Aurelio Zucchi



Camminai di buona lena, fiero

e questa volta il mar non era meta

perché di fianco già mi respirava.

Era tramonto da zittire il tempo

ed affrettai la corsa per paura

che l’impaziente sera lo rubasse.


L’avevo vista avvolta nell’azzurro

in una festa della primavera

e fu amore, solamente amore,

a farsi mare, fuoco cielo e terra

nel mentre mi sentivo quasi un re.


Finito ch’ebbi il mio bel tragitto,

sostai un po’ davanti alla scogliera

e l’occhio si posò sulle caviglie

baciate dalla forsennata schiuma.

Un brivido viaggiò lungo il mio corpo,

io fui geloso di onde che amavo.


Mi avvicinai senza dire nulla

e senza dire nulla lei si accostò.

E fu amore, solamente amore

a farsi mare, fuoco cielo e terra

intanto ch’io mi sentivo un re.


 
©2006 ArteInsieme, « 010831693 »