Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
  Poesie  Racconti  Poesie in vernacolo  Racconti in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Sguardo di Giovanni Buzi 23/02/2006
 

Il tuo sguardo è luce bianca che acceca l'orizzonte.

E, come cieco, io

ai tuoi piedi,

resto ciottolo abbandonato,

levigato da millenni di carezze,

mai ricevute.

Sono pago d'un tuo bacio,

solo quando pago.

Perché sorridere sì, lo sai,

gratuitamente, mai.

E come vecchia melodia,

mi lasci stracciare dal vento che innocente

viene dal mare.

Raffiche d'assenze,

accordo di precari equilibri in mancanza

d'ogni legge di gravità.

All'alba, disegno con le braccia,

senza possibilità d'eco,

parabole verso l'orizzonte.

Segnali. A chi?

Il tempo s'insinua nelle mie vene,

come una nostalgia...

Tutt'intorno a me, filigrane di cristalli vagano senza peso, senza nome.

Quando affogherà quest'ultima fiammella di coscienza?

Chiudo gli occhi, e

tento di non pensare a te.

Dall'alto d'una falesia,

perdo ogni nozione di spazio e,

volando in giù, i blu confusi

del cielo e dell'acqua mi rimandano la luce del tuo sguardo.

Di te, solo mi resta,

in dissolvenza,

un batter d'ali...

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 07950598 »