Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Freschi di stampa  »  Moby Dick Prove per un dramma in due atti, di Orson Welles - Gaffi Editore 30/11/2018
 
Moby Dick

Prove per un dramma in due atti

di Orson Welles

Gaffi Editore

www.gaffi.it

Pagg. 116

ISBN 978-88-99028-32-9

Prezzo Euro 13,50




«Poche pagine di testo, due atti, un adattamento del romanzo per la maggior parte in versi sciolti, una vera avventura letteraria e teatrale». - Luigi Mascheroni, il Giornale 

Londra, nel 1955 il capolavoro di Melville, grazie al genio di Welles, trova finalmente la sua definitiva forma teatrale, non una semplice riduzione, ma qualcosa di più e di diverso. Come sottolinea da subito il titolo originale: Moby Dick – Rehearsed, dove il participio passato aggiunto al titolo del romanzo ne sottolinea la particolare natura di spettacolo «messo in prova», «provato». Magia sembra proprio la parola giusta per questa messa in scena, dove Welles dà l’impressione di aver ritrovato l’entusiasmo e la capacità inventiva di cui aveva dato prova negli anni Trenta ai tempi del Mercury Theatre.




Orson Welles

Attore e regista (Kenosha, Wisconsin, 1915 - Los Angeles1985); esordì in Irlanda con il Gate Theatre di Dublino come attore nel 1931. Allestì in seguito varî spettacoli finché nel 1938 ottenne clamorosa popolarità con la trasmissione radiofonica Man from Mars, della serie Hello, Americans. Autore di una ed. critica del teatro di Shakespeare (1939), nel 1941 s'impose con la regia e l'interpretazione di Citizen Kane (Quarto potere), violento e geniale film ispirato alla biografia del magnate R. Hearst. Il suo insuccesso e l'ostilità politica che gli attirò lo costrinsero alla progressiva emarginazione dall'industria americana, ma la sua opera, per il controllo estetico sull'intero processo creativo, per le innovazioni di linguaggio e struttura narrativa, ha profondamente segnato il cinema contemporaneo. Oggetto di un convinto sostegno da parte della critica europea dagli anni Cinquanta a oggi, il cinema di W. appare come un impressionante insieme di opere maestose realizzate in condizioni impossibili, nelle quali ricorre una vastità e profondità di temi di ampiezza romanzesca: le nevrosi del potere, il senso di abbandono che matura con la vita, l'amicizia tradita. Tra i suoi film, si ricordano: The magnificent Ambersons(L'orgoglio degli Amberson, 1942); The stranger (1946); The lady from Shanghai(1948); Macbeth (1948); Othello (1952); Mister Arkadin (o Confidential report, 1955); Touch of evil (1958); Le procès (1962); Campanadas a medianoche (Falstaff, 1966); F for fake (1975); a questi andrebbero aggiunti i film mai terminati, fra i quali va ricordato almeno Don Quixote. Come interprete, oltre che nei film da lui stesso diretti, ha offerto eccellenti prove in: The third man (1949); Moby Dick (1957); A man for all seasons (1966); Catch 22 (Comma 22, 1970); The days wonder (1972); Treasure island (1972); Someone to love (1987). 

 
©2006 ArteInsieme, « 09046093 »