Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Freschi di stampa  »  L'Altalena di Apollinarija, di Ciriaco Offeddu - Gingko Edizioni 03/12/2018
 
L’Altalena di Apollinarija

di Ciriaco Offeddu

Gingko Edizioni

Pagg. 232

ISBN 9788895288888

Prezzo Euro 13,00


Acquista su Amazon




La vita straordinaria di Fëdor Dostoevskij, i suoi tempestosi amori e il mistero ancora irrisolto della sua morte sono rielaborati in chiave neo situazionista in questo formidabile romanzo, profondo e ben scritto. Il vero e il falso, mischiati ad arte, ritraggono un quadro vivissimo della concitata Russia di fine Ottocento. Storia e filosofia, spionaggio e letteratura, erotismo e una folla di personaggi reali messi a nudo danno spessore a una vicenda sorprendente, di forte presa sul lettore.

Fëdor Dostoevskij, il genio della letteratura, è appena morto nel suo letto, a San Pietroburgo, il 28 gennaio 1881. Un colpo di tosse e “uno sbocco di sangue” (questo secondo la moglie Anna Snitkina, ma la versione è contestata anche dalla figlia Lyubov) mettono fine a una vita che è ancora più strana e avvincente delle trame dei suoi capolavori. La ricerca della verità diventa subito una sorta di miraggio: sembra esistere un limite nella conoscenza possibile di Dostoevskij (come il limite stabilito, nella fisica quantistica, dal principio d’indeterminazione di Heisenberg), che rende questo scrittore unico, alieno. Storia e filosofia, spionaggio e letteratura, erotismo e una folla di personaggi reali messi a nudo danno vita e spessore alla concitata Russia di fine Ottocento, uno dei poli più turbinosi e fecondi della cultura e della politica.

La vita del genio assoluto della letteratura, Fëdor Dostoevskij, più strana e avvincente degli stessi suoi capolavori, i suoi tempestosi amori (tra tutti, quello con Apollinarija Suslova) e il mistero ancora irrisolto della sua morte sono rielaborati in chiave neo situazionista in questo sorprendente e profondo romanzo. Il vero e il falso, mischiati ad arte, ritraggono un quadro vivissimo della concitata Russia di fine Ottocento, dove, sotto una fragile crosta di acquiescenza e conformismo, ribollono miriadi di movimenti politici, organizzazioni filosofico-culturali e circoli vari. Oltre a personaggi improbabili e miti redivivi come Baphomet, che attraversano la scena come meteore, agisce nell’ombra la polizia segreta dello zar, la Terza Sezione, un organismo capillare e misconosciuto. Il suo primo obiettivo è impedire che la Grande Profezia (una scura nube indefinita, un vento, una diceria irrefrenabile sull’implosione imminente dell’impero) si avveri. In una situazione di disarticolazione delle forze istituzionali, ogni mezzo è lecito per cercare di tener sotto controllo, manipolare e cancellare i diversi filoni di contestazione e insurrezione.

Amore, erotismo, spionaggio, filosofia e letteratura si fondono in questo romanzo-scandalo che ricerca il vero Dostoevskij, uno dei più grandi pensatori e scrittori di tutti i tempi, un esploratore affilato, potente e sconvolgente della mente e dello spirito umano.


 
©2006 ArteInsieme, « 09046110 »