Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Freschi di stampa  »  Carmina Iucunda Canti sereni, di Giovanni Chiellino - Editrice Genesi 13/03/2019
 
Carmina Iucunda

Canti sereni

di Giovanni Chiellino

Editrice Genesi

www.genesi.org

Poesia

Pagg. 128

ISBN 9788874147007

Prezzo Euro 15,00





Postfazione

Vi sono molti esempi all’interno della letteratura italiana di canti d’amore dedicati alla gioiosità dell’incontro tra i due amanti, i quali trovano in sé stessi l’appagamento dei sensi e dell’anima, e si aprono a un canto di felicità e di benessere, come se fosse una liberazione dai rovelli della vita quotidiana o, peggio ancora, dalle insidie e dai mali che potrebbero derivare dalla lunga serie di elementi infausti che attentano alla vita di ogni uomo. 
Omnia vincit amor et nos cedamus amori, dice Virgilio nelle Bucoliche e installa nelle nostre menti un’affermazione che, nella temperie degli anni, finisce per diventare una massima lapalissiana, tanto è l’abitudine che abbiamo fatto al concetto. Tuttavia, basti pensare ai romantici e al binomio leopardiano di Amore e morte – il Canto celeberrimo del ciclo di Aspasia – per capire che non sempre l’amore è stato coniugato con la gioia e non sempre l’amore reca con sé un appagamento delle arsure di vita e di esperienza che ardono nei petti umani. 
Coniugare l’amore con la serenità e la gioiosità della vita è, dunque, una scelta mirata; una presa di posizione su cui si è a lungo riflettuto: è il fiore dell’agave, che sorge a suggello di un precedente sviluppo vittorioso, di crescita e di fioriture delle esperienze di vita. 
Il fiore d’agave dello scrittore, del critico e più di tutto del Poeta Giovanni Chiellino, è questo luminoso e carnoso libretto di poesia che coniuga l’amore con la serenità, il sesso con la gioia, la seduzione con la realizzazione dei sogni, l’unione carnale con il raggiungimento della meta. Al culmine di una vita operosissima, dedita alla professione medica, esaltata dallo studio umanistico della letteratura e in particolare del­la Poesia, il Poeta sembra voglia spezzare il pane ai suoi lettori e rivolgere loro questo discorso della montagna, in modo che appaia come il suo sguardo dal ponte, la sua panoramica di ricapitolazione dell’esperienza fatta e anche di quella che non si è realizzata, ma che potenzialmente avrebbe potuto manifestarsi. Per tutti c’è la possibilità di attingere alla fonte dissetante dell’amore. Non è detto che tutti sceglieranno que­sta opzione. Tuttavia, il Poeta ha espresso la sua chiara indicazione. 
L’indicazione poetica di Giovanni Chiellino non si limita a essere un messaggio etico o un principio filosofico, ma è anche e soprattutto un orientamento di gusto e di spessore letterario. Ecco, allora il ricorso all’espediente del 
manoscritto ritrovato, splendida invenzione che risale nientemeno che allo scrittore greco Antonio Diogene – da non confondersi col filosofo – del primo secolo dopo Cristo, in ambito romano, con il suo romanzo Le incredibili avventure al di là di Thule. Sarebbe inutile fare la passerella di tutti gli autori che dopo Diogene hanno fatto ricorso nei secoli all’espediente del manoscritto ritrovato, basti dire che tra gli altri si elencano Ludovico Ariosto, Miguel Cervantes, Giacomo Leopardi, Alessandro Manzoni, Jules Verne e in tempi di attualità Umberto Eco. Il manoscritto ritrovato può servire a dissimulare un accredito di autorità ovvero al contrario a minimizzare una fonte ritenuta autorevole a sproposito o ancora per declinare ad altri la moralità del manoscritto ritenuto criticabile o poco edificante. L’espediente na­sce dal fatto che ab origine i manoscritti erano quasi tutti adespoti, cioè senza indicazione dell’autore. Il ricorso all’espediente del manoscritto ritrovato la dice lunga sull’inclinazione filologica e letteraria di Chiellino, che è sempre stato un attento lettore e uno studioso della letteratura, non solo italiana, ma anche classica, greco-latina. 
Sulla vocazione di Giovanni Chiellino a fare ricorso alla memoria letteraria basterà richiamare 
Il Cantico dei cantici, così presente nel ricorso alle espressioni metaforiche del connubio carnale. Ancora di più, si può fare riferimento alle insuperabili quartine erotiche di Omar Khayyam. Si deve aggiungere che sono presenti, nella memoria lirica dei Carmina Iucunda, anche i trobador e le trobairitz della poesia occitana, ma ancora di più i poeti della Scuola Siciliana alla corte di Ferdinando II, lo Stupor mundi, e in particolare quel tale Ciullo d’Alcamo o Cielo d’Alcamo che dire si voglia, maestro del contrasto d’amore nella Rosa fresca aulentissima, citato e ammirato da Dante Alighieri, come da tutti i cantori dell’amore cortese. Tuttavia, sarebbe diminutivo e fuorviante li­mitarsi a fare un commento sulla valenza e sullo spessore di letterarietà dei Carmina Iucunda, i quali valgono principalmente per il generoso afflato di poesia vitale, di omaggio all’incanto fecondo della gioia e del piacere che l’amore sviluppa: è un autentico inno alla gioia, celebrato nel concerto dei sensi e dei sentimenti, nell’unione del corpo e dello spirito, nell’esaltazione della ragione e del sogno. 
Si è visto che la scansione del libro è ebdomadaria, ma appare eccessivo attribuire al Poeta un palese intento cabalistico. Certo è che sette sono le meraviglie del mondo, i colli di Roma, le virtù della religione (tre teologali e quattro cardinali), le vite del gatto, i cieli nell’antichità avanti Cristo, dai quali ci è derivata l’espressione 
essere al settimo cielo. Tutto ciò per sottolineare che sette è considerato il numero della completezza e della totalità. Se si scorrono i sette giorni della settimana, cioè la quarta parte delle fasi lunari, vediamo che il libro è fatto praticamente di sette giornate che si chiamano IntroduzionePrima parteIntermezzoL’assenzaCarmina IucundaVersi in dialetto carlopolese e Coda. E in queste giornate si alternano le emozioni dei proponimenti e delle attese concepite sul tema dell’amore, cui seguono le realizzazioni, e poi le riflessioni o le pause, i momenti della lontananza, il trionfo della ripresa, la corposità materiale dell’espressione in dialetto, così terragno e concreto, per finire in ultimo con la coda di rasserenamento e con il conclusivo epilogo. I nomi attribuiti alle donne amate sono ovviamente degli schermi letterari, cioè dei senhal, anch’essi di derivazione provenzale, ma poi utilizzati anche da Dante, per arrivare infine a Montale che usa il senhal di Clizia per ma­scherare Irma Brandeis, la critica letteraria nota per il concetto di “scala verso Dio” elaborato per la Commedia di Dante, e che diviene l’Angelo in visita per Eugenio Montale, negli Ossi di seppia. Così abbiamo i cinque senhal di Chiellino, Sonia, Tonia, Sara, Bertilla e Ilina. È lecito suppore che “dietro lo specchio” di queste maschere vi siano altrettante donne amate dal Poeta, nel senso di una pluralità convergente all’unità, proprio come accade in Montale, poeta che ama l’amore. Se si vuole, lungo questa strada, si potrebbe azzardare un elemento di continuità tra l’amore in Montale e in Chiellino. 
In Chiellino l’uso della metafora è molto spinto. Il sesso maschile lo si riconosce nelle sue varie declinazioni, in 
bastone, verga, aratro, ceppo (sovente ar­dente), ghepardo, ariete, cannolo, merlo, mestolo, falco, rapace, freccia, becco, penna, cero, delfino. Il sesso femminile è simboleggiato invece in nido, cop­pa, tortora, cerbiatta, calamaio, passera, colomba, centro, bersaglio, pecorella, tazza e ovviamente rosa. Se da un lato vi è tanta parte, nella lirica amorosa di Giovanni Chiellino, della tradizione letteraria, d’altro canto vi si riscontra anche tanta forza trascinante di vita e tanta autenticità e immediatezza di espressione personale. A questo proposito, basterebbe confrontare le tre liriche scritte in dialetto carlopolese e dedicate alla Pullastrella e al Pullastru. Con altrettanta invenzione, Chiellino rinnova il mito del Cigno di Leda, nel quale Giove, trasformatosi in cigno, anziché amoreggiare con la bella moglie di Tindaro, na­sconde la sua scelta dietro il simbolo di una conchiglia, ricettacolo dei suoi intimi umori. 
Il libro 
Carmina Iucunda si presenta come una summa di liricità in campo poetico e ci fornisce la rappresentazione dell’amore per l’amore, come l’attività più rasserenante e liberatrice che l’uomo possa condurre in vita: in essa si fondono il corpo e lo spirito e si placano e si sfogano gli interrogativi della ragione unitamente alle pulsioni degli istinti. Ciò accade oggi, nella poesia contemporanea del Poeta Giovanni Chiellino, così come è già accaduto in passato nei versi di Saffo, di Ovidio, di Virgilio, dei Neoteroi, di poeti persiani e musulmani, come nei poeti medievali della Provenza, della Sicilia e del Dolce Stil Novo, in quelli cinquecenteschi, e ulteriormente avanti nel consumo dei secoli per arrivare fino ai giorni nostri.

Sandro Gros-Pietro





Giovanni Chiellino è nato a Carlopoli nel 1937 da Giuseppe e Giuseppina. Dopo un’infanzia trascorsa nel sereno, anche se affollato, ambiente familiare, tre sorelle e quattro fratelli tutti più vecchi di lui, a cui si aggiungeva uno zio materno che molto ha influenzato l’evolversi del suo tragitto culturale, ha iniziato le scuole elementari nel paese natio e a Catanzaro Lido, seguite dalla scuola media e dal liceo classico a Catanzaro. Quindi si è trasferito a Padova per iscriversi alla facoltà di medicina e chirurgia, dove è rimasto fin quasi alla laurea, quando, per motivi economici, si è trasferito a Torino, dove ha ottenuto, come laureando, il posto di Capo allievo interno presso la Clinica medica del professor Dogliotti, che gli ha assicurato vitto e alloggio sino al conseguimento della laurea a fine 1966. Specializzatosi in Pediatria ha esercitato come pediatra libero professionista e convenzionato fino al pensionamento nel 2002. 
A Torino ha cominciato a frequentare, oltre che l’ambiente medico, anche il mondo letterario avendo modo di conoscere personalità importanti della cultura: Sandro Gros-Pietro, Giorgio Bárberi Squarotti, Italo Calvino, i fratelli Angelo e Stefano Jacomuzzi, Lionello Sozzi, Liana De Luca. 
Nel 2002 gli è stata conferita, presso l’università degli Studi Bicocca di Milano, la Laurea Apollinari Poetica da una giuria presieduta dal prof. Orazio Antonio Bologna. 
Attualmente vive a Caselette, piccolo comune alle porte della Val di Susa. 
In poesia ha pubblicato Galateo per enigmi, Genesi, 1988, per il quale ha riscosso lusinghieri giudizi; Daedalus, idem, 1990, con prefazione di Giorgio Bárberi Squarotti e con cui ha ottenuto il primo premio Degli Editori Felsine 1991; Nello spazio della mente, Lineacultura, 1992; La partita, 1994, plaquette con la quale ha ottenuto il primo premio Accademia dei Dioscuri; Nel cerchio delle cose, Genesi, 1994, con cui ha conseguito i primi premi Aeclanum e Pablo Neruda, nel 1995 e il Poseidone-Paestum, nel 1996; La voce della terra e altre voci, Genesi, 1998, primo premio Civitella di Carosino 1999; Il volto della memoria, Edizioni Scettro del Re, 2000 con cui ha vinto il Premio dei Lirici greci nel 2001 e il premio Gaetano Viggiani nel 2004; Il giardiniere impazzito, Genesi, 2001 con cui ha ottenuto i primi premi Città di Moncalieri ed Aeclanum nel 2002; Nel corpo del mutare, idem, 2004, con cui ha ottenuto il primo premio speciale Città di Aosta; Tela di parole, idem, 2007, con cui ha ottenuto il primo premio Poseidonia Paestum nel 2008 e Iniziative Letterarie, Milano, 2008; Luce crepuscolare, idem, 2011; Da tempo a tempo, idem 2016.
Tra l’altro è inserito nelle antologie: Le Maschere Invarianti, a cura di Marzio Pieri e Silvio Ramat, Genesi, 1992; L’Altro Novecento, 1º vol. 1995, 3º vol. 1997 di Vittoriano Esposito; La poesia Contemporanea a cura di Bruno Maier, Guido Miano Editore 1997; L’Erbosa Riva, a cura di Elio Andriuoli e Sandro Gros-Pietro, Genesi 1998; Trent’anni dalla Genesi, idem 2010. Inoltre è citato in La Pratica della Letteratura-Novecento, di Giuseppe Giacalone, Frat. Ferrara Edit. 1997; Letteratura Calabrese di Antonio Piromalli; Storia della Civiltà Letteraria Italiana, vol. V, tomo II, diretta da Giorgio Bárberi Squarotti. 
Come pubblicista collabora a numerose riviste di letteratura, è redattore di Vernice, è socio fondatore dell’Associazione Culturale onlus Elogio della Poesia. Ha partecipato nel 2002 alla rassegna poetica Elogio della Poesia, nel 2003 al Convegno denominato Nostalgia dell’Eterno, nel 2006 al Convegno Natura benigna Natura matrigna e sempre nel 2006 all’Incontro di Poesia: La gioventù del mondo che si sono svolti a Torino. Molti suoi interventi sono stati pubblicati in riviste fra cui Vernice, Porto Franco, Talento, Riscontri, Alla Bottega, La Procellaria ecc.

La sua poesia sviluppa un andamento narrativo e sembra appartenere al versante dell’affabulazione poetica, con ipotesi di una mimesi che è invenzione/evocazione del grande mito del Novecento del viaggio dentro la mente, ma con concessioni descrittive a particolari umani e sociali evocati dai ricordi della gioventù e, per contralto, con citazioni mitiche e con visitazioni a personaggi della letteratura. Lo sviluppo del discorso poetico è poematico e tendenzialmente assertivo; l’impianto versale è libero.




 
©2006 ArteInsieme, « 09212388 »