Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Freschi di stampa  »  Piccole storie nelle pieghe della storia, di Maide Bruno - Editrice Genesi 11/05/2019
 
Piccole storie nelle pieghe della storia

di Maide Bruno

Editrice Genesi

www.genesi.org

Narrativa

Pagg. 288

ISBN 9788874147168

Prezzo Euro 18,00




La vocazione al racconto da parte di Maide Bruno è un talento naturale educato dallo studio dei grandi autori, da Shakespeare a Baudelaire e altri ancora. Tuttavia, ciò che rende fluente e convincente la sua narrazione è lo stile del linguaggio, sempre calibrato con sapienza alle caratteristiche degli ambienti e dei personaggi descritti. Le trame dei racconti sono elaborate in modo tale da calamitare l’interesse del lettore che resta catturato dall’intrigo sapiente de­gli eventi fino alla loro conclusione. I racconti sono ambientati per lo più in un passato recente, collocabile intorno agli anni della Seconda guerra mondiale. Maide Bruno è maestra nel rappresentare gli spaccati sociali di un’umanità variegata, in cui si alternano personaggi virtuosi ad altri dediti al vizio, donne oneste contrapposte ad altre inclini a oscurare la limpidezza dei comportamenti. L’amo­re, l’invidia, la bontà, la cattiveria, il coraggio, la viltà, l’intelligenza e la dabbenaggine sono le tinte caratteriali più importanti che compongono la tavolozza d’insieme della splendida commedia uma­na che Maide Bruno realizza nei suoi complessi quattro racconti, Fascio e sfascioAngiolina la spiaIl disertore La piccola torre d’avorio. L’amo­re trionfa sull’insieme dei sentimenti rivolti verso la luce della bontà ovvero al contrario oscurati dalle tenebre della cattiveria e, specie, nel luminosissimo racconto finale, La piccola torre d’avorio, diviene la direzione di comportamento e di salvezza che guida la protagonista Gianna dagli anni della fanciullezza fino a quelli della piena maturità e oltre, descrivendo un arco complessivo temporale che va dagli orrori dell’ultima guerra alle problematiche dei flussi migratori della contemporaneità, e che dimostra la destrezza narrativa della scrittrice, capace di incidere nei più svariati contesti di tempi e luoghi.

Sandro Gros-Pietro


Maide (Maria Adelaide) Bruno è nata a Ciriè il 17 ottobre 1930. 
Si è laureata in lingue e letterature straniere presso l’ateneo torinese. È stata docente di francese al liceo scientifico Galileo Galilei di Ciriè. È anche pittrice e ha esposto in mostre personali a Ciriè e Torino. 
Dopo il pensionamento ha tenuto un corso di disegno all’Università della terza età di Ciriè e, in seguito, un corso di letteratura francese. 
Da molti anni fa volontariato nel gruppo Nati per leggere, come lettrice per i bambini delle scuole materne ed elementari, oltre che per adulti ipovedenti.
Nel 2019 pubblica presso Genesi il libro Piccole storie nelle pieghe della storia.

 
©2006 ArteInsieme, « 09326294 »