Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Freschi di stampa  »  Ricordi di un impiegato, di Federigo Tozzi - Edizioni Clandestine 04/06/2019
 
Ricordi di un impiegato

di Federigo Tozzi

Edizioni Clandestine

Narrativa

Pagg. 80

ISBN  9788865968437

Prezzo Euro 7,00




Due mesi della vita di un giovane toscano, costretto dalla famiglia a lasciare Firenze e soprattutto l’amata Attilia, per trovare impiego presso la stazione di Pontedera.

In questo diario, Leopoldo narra l’amarezza con cui si appresta alla partenza, l’arrivo in un ambiente in cui, suo malgrado, non riesce a farsi accettare, l’ostilità dei colleghi, che non accettano il suo spirito taciturno e la sua indole poco incline a quei divertimenti insulsi e spregiudicati che gli altri condividono.

In un crescendo di angoscia e mal di vivere, le uniche consolazioni che il protagonista riesce a trovare nella fredda solitudine che lo circonda sono la bellezza del paesaggio e le lettere scambiate con l’amata.

E sarà proprio la malattia di quest’ultima e la nascita dell’ennesima sorellina a permettergli di tornare a casa.

Federigo Tozzi (1883 – 1920), scrittore troppo a lungo misconosciuto, è oggi considerato uno dei più importanti narratori italiani del Novecento.

Tra le sue opere, Con gli occhi chiusi (1919), Tre croci (1920), Il podere (1921).


 
©2006 ArteInsieme, « 09400779 »