Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Freschi di stampa  »  Le veglie di Neri, di Renato Fucini - Edizioni Clandestine 29/06/2019
 
Le veglie di Neri

di Renato Fucini

Edizioni Clandestine

Narrativa

Pagg. 176

ISBN 978-88-6596-858-1

Prezzo Euro 8,50




Le vicissitudini quotidiane, semplici e nel contempo dense di significati umani e sociali dei personaggi che popolano le paludi, le fattorie e i borghi della campagna toscana alla fine dell’Ottocento.

Queste brevi storie, che alternano tratti comici ad altri fortemente drammatici, meravigliano per l’attualità che, a distanza di un secolo, vi si rispecchia. Dalla polemica anticlericale espressa in Il merlo di Vestro, alle note satiriche di Scampagnata, alla malinconia sfuggente de L’oriolo del cuculo, alla miseria dei migranti in Vanno in Maremma, Fucini ci accompagna, passo dopo passo, in un viaggio nelle meravigliose terre di una Toscana che, seppure attentamente celata, ancora esiste.

 “Seduto sull’argine erboso d’un canale, lasciavo correre l’occhio smarrito su quella immensa superficie d’acqua stagnante e di lunghe cannéggiole, e fantasticando dinanzi a quel malinconico quadro, richiamavo alla mente i più minuti ricordi della prima giovinezza, e per un misterioso fenomeno psicologico, anco le più liete memorie prendevano in me in quel momento l’aspetto di tristissime cose. E mi sentivo stringere il cuore, e quasi avrei pianto senza saperne di perché”.



Renato Fucini (1843-1921), poeta e scrittore italiano, noto anche con lo pseudonimo di Neri Tanfucio, divenne uno dei più influenti autori toscani. Tra le sue opere ricordiamo: Cento sonetti in vernacolo pisano (1872), All’aria aperta (1897) e Lettere all’amico dei Fichi d’India (1943, postumo).


 
©2006 ArteInsieme, « 09446121 »