Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Freschi di stampa  »  La mia estate fortunata, di Miriam Toews - Marcos y Marcos Edizioni 12/07/2019
 
La mia estate fortunata

di Miriam Toews

Marcos y Marcos Edizioni

Narrativa

Pagg. 304

ISBN 9788871688541

Prezzo Euro 18,00





Lish ha il teatro nell’anima, Lucy si nutre della sua euforia.
Lottano per vivere, per i loro figli; ridono e piangono bevendo tequila o tazzone di tè.
Sono pronte a partire in cerca di un vecchio amore perduto, e quello che troveranno è molto di più.
Comico, effervescente, freschissimo: il primo romanzo di Miriam Toews.


Ve lo dico subito come sono arrivata al punto in cui sono:
ragazza madre con il sussidio, case popolari e via dicendo.
Non era il mio scopo nella vita, ovvio. Non è che da bambina sognassi ‘Da grande voglio fare la madre povera’.
Avevo deciso di fare la guardia forestale.
Ora mi rendo conto che è un settore un po’ carente di rapporti umani, per i miei gusti.
Sì, ma guarda dove mi hanno portato, i rapporti umani”.


Lucy non ha idea di chi sia il padre di suo figlio; Lish sogna ancora il mangiafuoco che in una sola notte di passione l’ha messa incinta di due gemelle e poi è sparito.
Si barcamenano con i sussidi del welfare e hanno tutte storie strampalate; sognatrici, guerriere e un po’ bandite, sono le ragazze madri dell’Half-a-Life.
È un giugno di pioggia e di zanzare quando arriva una lettera: il mangiafuoco dopo cinque anni si fa vivo. Sta facendo spettacoli in Colorado e all’improvviso ha nostalgia di Lish.
Lucy e Lish non ci pensano due volte. Con cinque figli ignari, rimediano un furgone scassato e vanno a cercarlo.
Lucy sa bene che non lo troveranno mai, però non sa ancora che questa sarà la sua estate fortunata.


Autentica rivelazione della narrativa anglofona degli ultimi anni, Miriam Toews nasce in Canada, in una comunità mennonita di stampo patriarcale. A diciotto anni è già a Montréal, e scrivere è la sua ribellione. Il regista Carlos Reygadas la tenta con il cinema, nominandola sul campo protagonista di Luz silenciosa; la sua interpretazione è memorabile, ma il suo vero terreno rimane la scrittura. Un tipo a posto, il secondo romanzo, è pieno di tenerezza e comicità; Un complicato atto d’amore, best seller in Canada, viene tradotto in quattordici lingue. In fuga con la zia si aggiudica il Rogers Writers’ Trust Fiction Prize; Mi chiamo Irma Voth evoca la sua esperienza sul set di Luz silenciosaI miei piccoli dispiaceri è già un caso letterario: acclamato dalla critica negli Stati Uniti e in Canada, vincitore o finalista dei più prestigiosi premi letterari, è segnalato tra i libri più belli del 2014 da The Globe and Mail, American Library Association, New Republic, iTunes Fiction Books, BuzzFeed, The Washington Post, Slate, KirkusReviews, The Daily Telegraph.
Con 
Un complicato atto d’amore entra nel catalogo Marcos y Marcos anche lo splendido romanzo che ha portato Miriam Toews al successo internazionale; il primo in cui lei affronta il mondo ristretto e opprimente della setta mennonita in cui è cresciuta, e da cui è fuggita.

Donne che parlano è il suo ultimo romanzo.



 
©2006 ArteInsieme, « 09446208 »