Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Freschi di stampa  »  Matti beati, di Giovanni Piubello - Sometti Editoriale 23/07/2019
 
Matti beati

di Giovanni Piubello

Sometti Editoriale

www.sometti.it

Narrativa

Pagg. 144

ISBN 978-88-7495-741-5

Prezzo Euro 12,00



Torna in libreria l'opera più celebre di Giovanni Piubello, «il libraio sulla via», lo scrittore di strada che per decenni ha animato la vita culturale mantovana dalla sua bancarella sotto i portici del centro.
Matti beati è il racconto dell’infanzia rustica, povera e allegra del piccolo Giovanni sulle strade polverose della natìa Villanova, tra marachelle, osterie, politica e la solita, maledetta miseria. Un racconto di formazione ma tutt’altro che ingenuo descrive con gli occhi dell’infanzia un’Italia profondamente rurale, in cui la comunità paesana aveva un ruolo fondamentale e i ritmi della natura scandivano le giornate.
Pubblicato per la prima volta nel 1967 e vincitore del premio Duomo, il romanzo è «un fresco e poetico quadro della vita di provincia» come recitava la pubblicità apparsa all'epoca su giornali e riviste: certamente il punto più alto e maturo della produzione letteraria di uno scrittore indimenticato.



Giovanni Piubello  (San  Bonifacio,  1921  - Mantova, 1983)

Scrittore e bancarellaro, protagonista culturale della città, ha venduto libri a Mantova sotto i portici del Broletto, per trent’anni.

I libri degli altri e anche i suoi: Zingara, 1954; Matti beati, Rizzoli, 1967, Premio Nazionale «Duomo»; A proposito di gobbi, poesie, prima edizione 1966 più una lunga serie di volumetti stampati in proprio di racconti, di «estri» e di ricordi. Ha lasciato inedito Gli ubbidienti, un altro «romanzo o quasi».
Alcune delle sue storie sono state tradotte negli anni Sessanta in URSS. Ha fondato, pubblicato e diretto dal 1955 al 1966 la rivista di informazioni librarie «Bancarella».
Seguendo una vocazione precocissima (i suoi primi manoscritti inediti risalgono alla metà degli anni ’30), ha esordito negli anni Quaranta sulla stampa locale pubblicando racconti e novelle col proprio nome e con diversi pseudonimi (Dario Puli, Gianni De Bello, Nani D’Angelo). Tra il 2003 e il 2005 è stata pubblicata da Sometti l’opera omnia dei suoi scritti.

 
©2006 ArteInsieme, « 09508889 »