Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Freschi di stampa  »  Tutte le novelle, di Maria Messina - Edizioni Croce 10/02/2020
 
Tutte le novelle

di Maria Messina

Introduzione e cura di Antonio Di Silvestro

Edizioni Croce

Narrativa

Pagg. 688

ISBN 9788864023779

Prezzo Euro 21,90



«Ha una bravura e una grazia speciale nel troncare i suoi racconti, che veramente non finiscono mai di raccontare»: questo giudizio di Antonio Baldini ci aiuta a illuminare il percorso novellistico di Maria Messina. Una scrittrice che esordisce facendo propria in tutta la sua profondità la lezione di Verga (e apparendo in questo “scolara” ben più scaltrita di quanto potesse immaginare Borgese), per poi aprire la delicata trama del suo narrare a un’incompiutezza pienamente novecentesca. Dopo aver seguito un modello fedele al tracciato del “maestro”, ella approda a una modalità di racconto in cui alla maggiore fragilità dell’intreccio si accompagna una più acuta analisi della psicologia dei personaggi femminili. Tuttavia, anche nel momento in cui, per ambientazioni e storie prescelte, la sua narrativa sembra allontanarsi dalla stella polare verghiana, il richiamo dei nuclei primari e delle immagini fondanti di quel mondo è pronto a riaffiorare. Di questo dialogo fatto di consensi e dissensi, all’insegna di una visione dell’esistenza come transito, dove il tempo segna parole e corpi di vinti “vecchi” e “nuovi”, danno prova i testi qui raccolti, comprendenti la novellistica “maggiore” della Messina, da Pettini-fini ed altre novelle (1909) fino all’ultima silloge Personcine (1921), con un’appendice di racconti mai apparsi in volume.



Maria Messina nasce a Palermo nel 1887 da Gaetano, ispettore scolastico, e da Gaetana Valenza Trajana, esponente di una famiglia baronale, originaria di Prizzi. I continui trasferimenti del padre costringono la famiglia a spostarsi con frequenza, prima a Messina, quindi a Mistretta, poi in Toscana, in Umbria, nella Marche e a Napoli.

Iniziata alla scrittura dal fratello Salvatore, che ne aveva intuito il talento, ottiene la notorietà con la pubblicazione di Pettini-fini (1909) e Piccoli gorghi (1911), raccolte di impronta verista che le valgono la stima di Giovanni Verga, col quale intraprende una fitta corrispondenza.

Gli anni ’20 sono quelli del successo letterario, ma anche quelli del peggioramento di una grave malattia che le toglie gradualmente la possibilità di scrivere. Tornata in Toscana, muore a Pistoia nel 1944, dimenticata da tutti. Il 24 aprile 2009, grazie all’interessamento del comune, le sue spoglie mortali sono ritornate a Mistretta, considerata come una sua seconda patria.

Oggi le sue opere, tradotte e apprezzate all’estero, sono tornate argomento di studio e di dibattito.


 
©2006 ArteInsieme, « 09930225 »