Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Freschi di stampa  »  La fortezza, di Mesa Selimovic - Besa Editrice 21/03/2020
 
La fortezza

di Mesa Selimovic

Besa Editrice

Narrativa

Pagg. 448

ISBN 978-88-6280-157-7

Prezzo Euro 25,00



Ahmet Šabo torna a casa dopo otto anni di guerra nelle paludi del Dnestr, portando con sé lo strazio, le cicatrici, le voci e i volti dei compagni morti, che affiorano alla memoria come fantasmi per poi sprofondare nuovamente nelle acque melmose di Hoćin. Ma a Sarajevo la guerra non è finita. Allunga la sua ombra sulle case distrutte, sulle famiglie sterminate dalla peste, sui corpi senza nome sepolti non si sa dove. Incombe nelle relazioni umane, sospese tra circospezione e sospetto, inganno e vendetta. E la violenza delle armi si tramuta in violenza del potere. Un potere cieco, arrogante, avido, sprezzante della legge e della morale che trova la sua concretizzazione nella Fortezza, lugubre edificio nella cui ombra si decidono le sorti degli oppositori, ridotti al silenzio e piegati dal terrore. 
Scritto nel 1970, 
La fortezza restituisce al lettore le cupe atmosfere della Sarajevo del XVIII secolo, al tempo delle guerre turco-russe. Una città crocevia di popoli e destini, osservata fin nelle sue pieghe più oscure e raccontata da una voce fuori dal coro che si leva potente, dissacrante, finalmente libera.



Mesa Selimovic  (1910-1982) contende a Ivo Andrić il titolo del più importante scrittore della ex Jugoslavia. Oltre a La fortezza, considerato un capolavoro della letteratura serbo-croata, è autore di un romanzo classico ingiustamente dimenticato in patria, Il derviscio e la morte (1960). Scrittore di grande impegno civile, durante la Seconda guerra mondiale ha partecipato alla lotta di liberazione ed è stato uno dei massimi intellettuali nella Jugoslavia di Tito.

 
©2006 ArteInsieme, « 010032558 »