Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Freschi di stampa  »  Cose portate dal mare, di Ardian Vehbiu - Besa Editrice 19/11/2020
 
Cose portate dal mare

di Ardian Vehbiu

Besa Editrice

Saggistica storica

Pagg. 328

ISBN 978-88-3629-076-5

Prezzo Euro 18,00



Un saggio denso e al tempo stesso fluido come un testo narrativo nelle cui pagine l’autore descrive, attraverso la propria esperienza, i rapporti dell’Albania con il mondo oltre l’Adriatico. 

L’Occidente, e l’Italia in particolare, rappresentano un mito incarnato da oggetti-feticcio, da programmi radiofonici e televisivi che disegnano un universo elettromagnetico, desiderabile e pericoloso. 

Un paradiso che tuttavia necessita di un inferno per essere anche solo immaginato.

 

Cose portate dal mare è un acuto ritratto di come gli albanesi guardavano o immaginavano
l’altra sponda negli anni del totalitarismo. 

Rivela molto dell’Albania di allora, e qualcosa di noi”.

 (Alessandro Leogrande)


Ardian Vehbiu, nato a Tirana nel 1959, oggi residente a New York, è uno scrittore e traduttore. Autore di articoli per la stampa albanese, in Italia ha pubblicato anche La scoperta dell’Albania. Gli albanesi secondo i mass media (1996), scritto con Rando Devole.

 
©2006 ArteInsieme, « 010528593 »