Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Freschi di stampa  »  Non si chiede il nome alle fate, di David Di Marco - all’est dell’equatore edizioni 29/12/2020
 
Non si chiede il nome alle fate

di David Di Marco

all’est dell’equatore edizioni

Narrativa

Pagg. 225

ISBN 978-88-99381-99-8

Prezzo Euro 12,00




1943. Il tenente Villon è un ufficiale dell’esercito tedesco che si trova a Parigi in convalescenza. La sera del 12 novembre vede per la prima volta la donna che avrebbe reso la sua esistenza una lunga nostalgia.

È Thea, la bellissima figlia del generale delle SS Herbert von Hagen.
Oggi Villon è a Torino. C’è Tommaso, un ragazzino ribelle che gli si affeziona; c’è Diogene Morozzi, un supplente di scienze alcolizzato, ma educatore amato dai suoi studenti che fa anche il buttafuori per un locale dei Murazzi.
1945, Svizzera. Thea, che non condivide le idee del padre, lavora per i servizi segreti inglesi e incontra un agente dell’MI6, il quale le comunica che il figlio di Aaron Epstein si trova a Birkenau; lei è incaricata di portarlo via.
Torino. Alle due di notte, Diogene lascia il locale dove lavora, dopo essere intervenuto per sedare una rissa tra ubriachi. Raggiunge il Teatro dell’amore perduto, dove può scambiare due chiacchiere con Villon, il marionettista di cui è diventato amico da quando gli ha salvato la vita praticandogli un massaggio cardiaco.
Nel frattempo a Tommaso è stata risparmiata la sospensione per aver dato un pugno a un compagno. Quel giorno c’è un’uscita scolastica, tutta la classe va al Teatro dell’amore perduto per vedere la collezione di marionette di Villon. Tommaso comincia a sudare e si sente soffocare. La marionetta più bella si trova al centro della sala. È lei, è Thea, l’amore perduto di Villon.
20 gennaio 1945. Polonia. Il tenente Villon sta viaggiando su una Mercedes guidata dal caporale Krause, mentre è in corso la ritirata dei tedeschi all’approssimarsi dell’Armata Rossa. Pensa a Thea. Si sono visti a Vienna dieci giorni prima. Lei gli ha detto che sarebbe andata a Birkenau per incontrare suo padre. Ma Villon è inquieto. È durante questo viaggio in macchina che incontra una ragazzina misteriosa. Per salvarla Villon uccide due Waffen-SS. Subito dopo viene condotto dalla ragazzina in un bosco. Proprio qui assiste alla morte di Thea.
Torino. Tatiana, un’antagonista inseguita dalla polizia, trova rifugio nel Teatro dell’amore perduto. Qui, Villon e gli altri personaggi della storia si mettono in discussione nella luce soffusa tra platea, palco e un dietro le quinte popolato da marionette e costumi di scena, mentre all’esterno esplode una violenta sommossa. Con la compagnia che vuole mettere in scena La tempesta di Shakespeare in arrivo, i personaggi della storia lasciano il teatro.
Diogene e Tatiana si perdono tra gli scontri, nel mezzo della nube di polvere che soffoca la città, Tommaso porta a compimento il suo viaggio di formazione, Villon parte per Parigi alla ricerca del finale della sua storia.

 
©2006 ArteInsieme, « 010638371 »