Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Freschi di stampa  »  Ricordi della Corte d’assise, di André Gide - Edizioni Clandestine 16/02/2021
 
Ricordi della Corte d’assise

di André Gide

Edizioni Clandestine

Pagg. 96

ISBN  9788865969700

Prezzo Euro 7,50




Ricordi della Corte di Assise è una raccolta di impressioni e di cronache, estratta dagli appunti che l’autore prese durante la sua esperienza come giurato alla Corte d’Assise di Rouen nel 1912, esperienza che lo segnò profondamente. “I tribunali hanno sempre esercitato su di me un fascino irresistibile. Quando viaggio, in una città, quattro cose mi attirano: i giardini pubblici, il mercato, il cimitero e il tribunale. Oggi so per esperienza che una cosa è ascoltare un verdetto, un’altra è aiutare di persona a render giustizia. Quando uno è fra il pubblico può crederci ancora. Seduto sul banco dei giurati, ripete a se stesso la parola di Cristo: “Non giudicate”. Certo, sono persuaso che una comunità non può fare a meno di tribunali e giudici; ma a che punto la giustizia umana sia dubbia e precaria, l’ho potuto sentire per dodici giorni consecutivi, sino all’angoscia. E ciò, spero, apparirà un po’ da queste note”. In queste pagine, Gide svela con amara obiettività la duplice violenza subita dalle vittime: quella dell’aggressore o del ladro e quella, non meno brutale, della corte, che, invece di ergersi a paladina dei deboli e degli oppressi, pare avallare inesorabilmente la loro oppressione.



André Gide (1869 – 1951) scrittore francese, ricevette il premio Nobel per la letteratura nel 1947. Tra le sue innumerevoli opere, si ricordano: L’immoralista (1902), La porta stretta (1909) Corydon (1920), Se il grano non muore (1926).


 
©2006 ArteInsieme, « 010736571 »