Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Freschi di stampa  »  Le quattro zampe del leone, di Rodolfo Vivaldi - Edizioni Tabula Fati 31/08/2021
 
Le quattro zampe del leone

Avvenimenti, curiosità e personaggi del dopoguerra vissuti da un gruppo di “ragazzi di strada”

di Rodolfo Vivaldi

Edizioni Tabula Fati

Narrativa

Pagg. 112

ISBN 979-12-5988-015-4

Prezzo Euro 11,00



La guerra del ’40-’45, gli anni dell’infanzia e della giovinezza, le scorribande con gli amici di allora e di sempre, sono un piccolo cammeo, una breve rappresentazione che l’Autore fa di questa parte della sua vita, descrivendo contemporaneamente una società oramai quasi scomparsa, dove alcune forme di convivenza sembrano essere più umane, più festose e autentiche se confrontate con l’oggi.
     Sono questi, di Rodolfo Vivaldi, riflessioni e ricordi che evocano una fanciullezza travagliata a causa di una famiglia in disgregazione, ma anche tanta voglia di vivere grazie all’aiuto di figure fondamentali: la madre e la maestra. E poi gli amici; l’amicizia a cui l’Autore innalza un inno, è la parola chiave di questo racconto che ne descrive gli aspetti più nobili e umani.

Rodolfo Vivaldi, ha svolto per alcuni decenni una professione sanitaria, coltivando contemporaneamente, fin dalla prima giovinezza, curiosità prevalentemente letterarie ma anche in vari altri settori della cultura; attualmente presiede l’Associazione Domus Cultura ben nota a Genova per aver organizzato molti eventi, convegni e presentazioni di libri.
     Ha scritto un saggio intitolato 
Guareschi e Céline, due grandi del ’900, e un libro, quasi una favola o un sogno, intitolato Il mistero di Cana dove lo scrittore si ritrova ospite del banchetto di nozze durante il quale Cristo si manifestò compiendo il suo primo miracolo.
     Condivide con la moglie Simonetta, anche lei scrittrice, il conforto prezioso di due splendide figlie, Isabella e Carlotta, e di quattro meravigliosi nipoti.
     Si considera realisticamente un cristiano imperfetto, pur confidando in un bonario giudizio finale.
     Devoto cultore dell’amicizia, ama affermare: “Un esercito di amici combatte al mio fianco; ma ne basta anche uno solo”.
     Ha la struttura mentale di un conservatore fedele alla tradizione.
     È nato, vive, e intende terminare i suoi giorni nell’amata Genova.


 
©2006 ArteInsieme, « 011170758 »