Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Letteratura  »  Maria Beatriz Do Mar, di Carlo Marchi, edito da 0111 e recensito da Laura Vargiu 08/11/2018
 
Maria Beatriz Do Mar – Carlo Marchi – 0111 Edizioni – Pqagg. 146 – ISBN 9788863078725 – Euro 14,50



La donna che sussurrava ai delfini



Si respira una particolare e inaspettata magia tra le pagine di “Maria Beatriz do Mar” di Carlo Marchi, medico pediatra modenese scomparso un paio d'anni fa che ci ha lasciato questo bellissimo romanzo. Una magia che, anzitutto, permea la trama della vicenda narrata, così come la prosa che l'accompagna conferendole un prezioso tocco quasi di favola antica.
Ma quella di Maria Beatriz, detta bonariamente “a loca”, la pazza, è una storia pressoché del nostro tempo, dove reale e fantastico s'intrecciano con spontaneità e senza forzature di sorta, sullo sfondo di un piccolo angolo di paradiso tra le dune di una sconosciuta spiaggia brasiliana del nord est su cui gravitano uno sparuto gruppetto di casette bianche, un altrettanto esiguo numero di abitanti e assai rari turisti di passaggio. Attorno alla protagonista, giovane donna dalla straordinaria bellezza e dal misterioso dono di saper comunicare con i delfini che, per raggiungerla, rischiano di spiaggiarsi, ruotano diversi curiosi personaggi, ognuno con la propria piccola storia, tra i quali Jurema, la grassa e loquace cartomante, Janilson, il vecchio pescatore taciturno, Jacinto, il parrucchiere senza fissa dimora che morirà tragicamente.
E poi c'è la voce narrante del “gringo”, come lo chiamerà infine Maria Beatriz, dietro cui, forse, si cela l'autore stesso che, attraverso una scrittura molto accattivante e seducente, ricca di colori e paesaggi intensi, sembra invitare a vivere una vita semplice, come quella degli abitanti della "praia" di Genipabu che si accontentano di una quotidianità fatta di pochissimo in termini materiali, e a scansare l'insensatezza del pregiudizio. Una lettura scorrevolissima che cattura il cuore del lettore fin dalle prime pagine. Un piccolo gioiello, da leggere!


Laura Vargiu

 
©2006 ArteInsieme, « 09046167 »