Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Letteratura  »  Solo la luna ci ha visti passare, di Maxima con Maria Francesca Ghirardelli, edito da Mondadori e recensito da Siti 02/12/2018
 
Solo la luna ci ha visti passare – Maxima con Maria Francesca Ghirardelli – Mondadori – Pagg. 137 – ISBN 9788804663812Euro 17,00




Una ragazza determinata




Francesca Ghiradelli, giornalista che raccoglie e rende note storie di migrazioni e di popoli in movimento, incontra per la prima volta la giovanissima Maxima nell’agosto del 2015, in Serbia, a Belgrado. È in un parco comunale e la sua presenza agli occhi dei passanti può suscitare fastidio, rabbia, disapprovazione. Che ci fanno buttati lì, accampati, quegli straccioni, a disturbare, a deturpare una quiete fatta di normalità? Eppure Maxima è ancora una bimba, una quattordicenne, in viaggio, senza la sua famiglia, con accanto a sé una coetanea e degli adulti che sono dei parenti ma potrebbero essere chiunque… Pochi mostrano la comprensione necessaria, altri ignorano che lei è in viaggio da quasi un mese e poco ormai la separa dall’arrivo in Olanda, dopo aver scampato i pericoli dell’attraversamento del Mar Egeo in gommone, dopo aver sfidato i confini politici attraversandoli in modo clandestino o con lasciapassare temporanei utili almeno al passaggio nei diversi Paesi. Quella è la sua meta, lì i suoi genitori, curdi siriani, l’hanno fatta nascere per poi tornare ad Aleppo dove è cresciuta tranquilla fino allo scoppio della guerra che oltre a sconvolgere il vivere quotidiano e a costringerli a dimorare in una zona rurale prossima al confine con la Turchia, l’ha deprivata della più grossa possibilità di crescita che un’esistenza comune può sperimentare: l’approccio con la cultura nella scuola. E pensare che molti suoi coetanei occidentali invece non hanno ancora compreso quanto essa sia importante per la loro formazione di uomini e donne che saranno i futuri cittadini del domani, quelli che magari avranno una sensibilità diversa e una cultura più elevata utile a comprendere e gestire i flussi migratori e a gestire la profonda disuguaglianza che contraddistingue le diverse aree del nostro pianeta. 
Il suo viaggio terminerà a casa di un’amica dei genitori alla quale verrà affidata dalle autorità competenti che si occupano della gestione dei flussi di rifugiati politici e lì Francesca Ghiradelli ha la possibilità di incontrarla nuovamente e di raccogliere il suo dettagliato racconto che possiamo conoscere attraverso questa pubblicazione. Colpisce sicuramente il tono sobrio che accompagna la narrazione, a mediazione zero direi, simile a un racconto di un’adolescente che, pur essendo consapevole della grandezza del suo successo: aver affrontato un viaggio così pericoloso, lasciando la casa, i suoi genitori e il resto della sua famiglia e la sua bellissima terra, ha il tono della speranza che è tipico dei giovani senza mai condannare il rifiuto dei nostri sguardi e facendo leva sulla determinazione personale, l’unica risorsa alla quale ognuno di noi può rivolgersi per rendere possibile ciò che di primo acchito pare impossibile. 


Siti

 
©2006 ArteInsieme, « 09227053 »