Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Letteratura  »  Una parentesi luminosa, di Marella Caracciolo Chia, edito da Adelphi e recensito da Laura Vargiu 13/12/2018
 
Una parentesi luminosa – Marella Caracciolo Chia – Adelphi – Pagg. 177 – ISBN  9788845922688 – Euro 18,00



Un amore spezzato



Sullo sfondo delle affascinanti atmosfere del Lago Maggiore, nacque l'amore tra la principessa Vittoria Colonna e l'artista Umberto Boccioni, legame che rivive nelle pagine di questa interessante e preziosa pubblicazione di Marella Caracciolo Chia, edita da Adelphi nel 2008.
Non si tratta di un romanzo, bensì di un'attenta ricostruzione storica sulla base anzitutto del carteggio tra i due, rimasto nascosto dentro un baule per quasi un secolo e venuto alla luce per puro caso, e poi anche di altre lettere private utilissime per riordinare, nel limite del possibile, tutti i tasselli della vicenda; si cerca, inoltre, di approfondire la vita dei protagonisti e, in un certo qual modo, anche quella di altri personaggi che si muovevano intorno a loro. Vittoria Colonna (1880-1954), nobildonna appartenente a una storica dinastia romana, conobbe il Boccioni (1882-1916), nome di spicco, come noto, del Futurismo, nel corso dell'estate del 1916, ormai nel pieno del primo conflitto mondiale. Un amore, il loro, breve ma intenso, sbocciato all'improvviso come spesso nascono le forti passioni. E, proprio come accade alle grandi storie, esso sembrava essere destinato, naturalmente, a percorrere una strada tutta in salita: già da una quindicina d'anni, Vittoria era la moglie di Leone Caetani, duca di Sermoneta e principe di Teano, esponente anch'egli di un altro imponente casato romano, sebbene il loro matrimonio fosse di fatto fallito e i due non vivessero più sotto lo stesso tetto, se non per brevi periodi dell'anno; all'epoca, era cosa tutt'altro che infrequente, nell'ambito dei ceti più elevati, avere un amante, ma ciò che non veniva ammesso, né perdonato, era il fatto di finire sulla bocca del bel mondo per non aver agito con la dovuta discrezione al fine di salvaguardare l'ufficialità coniugale che non poteva venire meno in alcun modo. Al momento dell'incontro con l'artista, lei viveva in affitto sull'Isolino di San Giovanni, una delle Isole Borromee del Lago Maggiore, un piccolo paradiso da dove si ammirano le poco distanti luci di Stresa e da cui, in quel periodo, la guerra appariva così lontana. Ma la guerra richiamerà il Boccioni, strappandolo per sempre alla propria arte e all'amore appena nato con la principessa romana.
Dunque, nessuna possibilità di futuro venne loro concessa, soltanto una “parentesi luminosa” sulla quale un destino beffardo e impietoso fece presto calare un tetro sipario (l'artista morirà indossando la divisa nell'agosto di quello stesso anno, a seguito di una caduta da cavallo avvenuta però non durante operazioni militari). Il mistero della scomparsa delle ultime lettere inviate da Vittoria e mai ricevute da Umberto al fronte (probabilmente intercettate dalla famiglia Caetani), poi, conferisce alla triste vicenda un tocco di ulteriore amarezza.
Oltre a riportare alla luce l'amore segreto tra questi due protagonisti, ognuno a modo proprio, del primo Novecento, attraverso il suo libro, l'autrice finisce per aprire una finestra sulla cosiddetta Belle Époque, il cui incanto fu definitivamente spezzato dai colpi di pistola esplosi a Sarajevo nel giugno del '14. Di particolare interesse, inoltre, e senza dubbio meritevole di approfondimento, la figura di Leone Caetani (1869-1935), uomo di grande erudizione e orientalista di tutto rispetto, nonché studioso di lingua araba e dell'Islam; a lui, che negli anni Venti si trasferirà in una sorta di esilio volontario in Canada con la nuova compagna e la loro bambina, si deve una serie di opere sul primo periodo islamico che tuttora trova credito in ambienti accademici non solo italiani.
Infine, arricchisce l'opera della Caracciolo Chia una raccolta di fotografie d'epoca che ritraggono soprattutto Vittoria Colonna, ancor prima delle nozze fino a tarda età, comprese quelle scattate sull'Isolino durante i giorni trascorsi in compagnia di Umberto Boccioni. Scatti, questi ultimi, che alla luce di quanto oggi sappiamo si ammantano inevitabilmente, pur nel bianco e nero delle vecchie immagini, dei colori caldi e malinconici di quell'estate del 1916.


Laura Vargiu

 
©2006 ArteInsieme, « 09103133 »