Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Ultimo viandante, di Gian Franco Magenta, edito da L'ArgoLibro e recensito da Laura Vargiu 14/07/2019
 
Ultimo viandante – Gian Franco Magenta – L’ArgoLibro – Pagg. 68 – ISBN 978-88-94907-36-0 - Euro 10,00


Nel silenzio della natura



Una scrittura poetica intrisa di colori, suoni e profumi del bosco, quella di Gian Franco Magenta, nella quale ho avuto il piacere di imbattermi inaspettatamente.
È poesia lieve e delicata che sa essere però particolarmente incisiva e potente nel suo dipingere l’esistenza e partecipare “alla vita di una natura misteriosa” che, ipnotica, tiene legato a sé il cuore del Poeta.

Io amo il bosco,/ amo la sua vita,/ il suo palpitare,/ il suo linguaggio/ muto, discreto.”

Si alternano così le frondose immagini silvane e quelle che indugiano preferibilmente, in una malinconia antica d’ombre e sfumature di luce, sul mesto finire dell’estate.

Incombe ormai,/ il freddo sul verde./ Il cielo cinereo/ volge all’equinozio. Freme l’autunno.”

E alla Natura, quella più autentica, intensa e vibrante, carica di quieto indifferente silenzio che parla a suo modo, il Poeta fa sempre ritorno come a un rifugio sicuro, portando con sé, ineludibili, i propri affanni, le inquietudini, gli interrogativi devastanti dell’umano vivere.

La terra non risponde al mio grido./ […] Abbraccio i ruvidi tronchi/ nella verde luce dell’amata foresta,/ cerco il sollievo nel lieve respiro/ delle foglie, ora fitte ora rade;/ chiedo ad essi di lenire il mio affanno,/ chiedo ad essi, parte del tutto,/ cosa è il mondo,/ questo essere piccolo e smisurato,/ tangibile ed inafferrabile,/ che mi solleva ed opprime,/ che mi fa paura e coraggio,/ che io penso di stringere e mi sfugge,/ che mi rende triste e contento,/ in una continua illusione,/ nel dubbio, nel tormento.”

Come sono lontani, in quell’eterna intensità di attimi, i rumori assordanti di un mondo che tra le auto in corsa, in una quotidianità ormai di lamiera e gomme, avido divora ragione e sentimenti rendendoci semplici automi, pressoché ignari della nostra essenza più profonda.
I versi spaziano malinconici sopra campi “colmi di riso”, prati rugiadosi di primavere mature o ancora acerbe, acque di fiume che elargiscono vita e morte, cieli di myosotis che si tingono d’indaco e tristezza nell’opacità della sera che, come di consueto,“stende sul mondo/ la sua veste trapunta di stelle.”
Da leggere e rileggere ascoltando il lirico palpitar delle sue parole, una silloge meravigliosa che canta dunque l’amore: per la Vita, per la propria terra, per l’amore stesso, quello più intimo che si fa inscindibile intreccio di carnalità e spirito per riflettersi nello sguardo e sul volto di chi si ama, magari tra le ombre della sera, mentre il cuore, proprio come un ultimo instancabile viandante, percorre il cammino astruso della vita che viene meno e, inevitabilmente,“si fa più fatale”.


Laura Vargiu

 
©2006 ArteInsieme, « 09788842 »