Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Il cuore che abito, di Attilio Alessandro Ortolano, edito da La Gru e recensito da Laura Vargiu 30/08/2019
 
Il cuore che abito – Attilio Alessandro Ortolano – La Gru – Pagg. 162 – ISBN 9788899291419 - Euro 15,00




Anime in viaggio




Non passa certo inosservata la scrittura di Attilio Alessandro Ortolano, giovane autore abruzzese già vincitore di diversi premi letterari. Una scrittura, la sua, decisamente affascinante, pervasa d’infinita misteriosa poesia che sembra voler scavare nel profondo dell’anima alla ricerca di quel senso dell’esistenza per noi sempre così difficile da comprendere.
Il cuore che abito”, suo secondo romanzo, pubblicato anch’esso, come il precedente dal titolo “Bellezza e crudeltà”, dalla casa editrice Edizioni La Gru (2018), ha ottenuto lo scorso anno il Premio internazionale culturale Cartagine di Roma. Protagonista di queste pagine è Ludovico, imprenditore e filantropo italiano, il quale, già all’inizio del libro, muore all’improvviso a seguito di un incidente automobilistico. Da quel momento comincia per lui una seconda vita poiché la sua anima, o massa fotonica, viene catturata da un sistema ipertecnologico americano che subito la riversa in un altro corpo, nient’altro che una sorta di clone; il risveglio del protagonista, privo d’identità e memoria del passato, fatta eccezione per il nome di battesimo e una vaga certezza di nazionalità, avverrà in una metropoli americana “somma di solitudini timorose e schive”, ma la vicenda proseguirà poi ancora in Italia, dove quel filo invisibile che lega gli esseri umani troverà infine la propria ragion d’essere dal momento che gli incontri non sono mai casuali.
Una trama non semplice, non banale, a tratti forse difficile da seguire nel suo evolversi tra infiniti interrogativi e misteri esistenziali, riflesso perfetto della complessità del curatissimo linguaggio e dello stile narrativo adottati dall’autore. Lo scenario temporale in cui si svolge questa storia è quello di un futuro ormai prossimo, decisamente a breve termine, dove il mondo non è poi così in apparenza diverso da come lo stiamo ora vivendo con tutte le sue sfide e spauracchi attuali, come quello del bioterrorismo. Molto ben caratterizzati, i personaggi si muovono in una dimensione dal sapore onirico sospesa tra realtà e irrealtà, portandosi dietro, a partire da quello di Ludovico, il proprio fardello di vita dove il tempo accumula, non senza dolore, ricordi, sentimenti, emozioni. 
Un bellissimo romanzo, né distopico né fantascientifico in senso stretto, al centro della cui intensa, profonda narrazione, c’è l’essere umano con la sua estrema fragilità fatta spesso di disincanto e solitudine, del proprio ineludibile limite di fine incombente, ma la cui radice è sempre l’amore nel significato più ampio del termine. Ed è l’amore, infatti, a ricordarci che dopo l’ombra ritorna la luce, dandoci ancora la forza di sognare, nonostante tutto.

Il sole diviene un riflesso scintillante in milioni di gocce. Anche tra le persone ci si incontra così: uno sguardo scintillante tra milioni di occhi. Poi la vita. Ogni giorno. Emozioni e nuvole. Vittorie e sconfitte. Coraggio e paura. Voglia di sogni.”


Laura Vargiu

 
©2006 ArteInsieme, « 09574569 »