Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  500 chicche di riso, di Alessandro Pagani, edito da 96 rue de-La-Fontaine e recensito da Katia Ciarrocchi 02/10/2019
 
500 chicche di riso – Alessandro Pagani -  96 rue de-La-Fontaine  - Pagg. 116 – ISBN 9788893990066 – Euro 10,00




Una “chicca” di riso al giorno, dopo colazione, ti strappa un sorriso e la giornata svolta definitivamente.

Tra ambigui falegnami alle prime armi: «Come faccio a ridurre la lunghezza di questo affare?»
«Prova con una sega.»

Per me, che il più delle volte mi sveglio incazzata con il mondo intero, questo piccolo libricino è stato un vero toccasana!
Alessandro Pagani con battute lampo riesce a catturare l’attenzione del lettore, niente di clamoroso ma battute semplici che spesso rasentano la stupidità umana, basta questa genuinità per farti sorridere e farti pensare: “Ok dopo di questo nulla potrà andare peggio!”

«Dottore, non mi sento bene.» «Apparecchietto acustico?».

In 500 chicche di riso sicuramente troviamo un modo di dire le cose dal sapore semplice e astuto che arriva dritto dove deve arrivare. Un libro intelligente anche se ogni tanto lascia un sapore amarognolo.
Pagani è simpatico, di quella simpatia da bar e questo fa bene, ricorda le serate a cazzeggiare tra amici.

Scoperto farmaco per curare l’emicrania. Unico effetto collaterale, annulla i ricordi: ti fa male qualcosa, ma non sai cos’è.



Katia Ciarrocchi



www.liberolibro.it








 
©2006 ArteInsieme, « 09650250 »