Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Io non ho paura, di Niccolò Ammaniti, edito da Einaudi e recensito da Siti 12/12/2019
 
Io non ho paura – Niccolò Ammaniti – Einaudi – Pagg. 230 – ISBN 9788806207694 - Euro 14,00




Che ne sai tu di un campo di grano...



È ormai lontano il tempo della prima edizione di questo romanzo (2001) così come è, di conseguenza , già datato anche l’omonimo film di Salvatores, vincitore nel 2004 del David di Donatello , eppure mi sento di dire che è un prodotto letterario che ha lasciato il segno: non si è trattato di una meteora nel firmamento delle celebrità passeggere ma, è evidente, ha colto il segno.
Ancora oggi risulta richiesto dal mercato e viene continuamente ristampato, circola nelle scuole e funge da viatico per il passaggio a letture più mature. Soprattutto quando si è a digiuno. Viene letto da persone di tutte le età e molti ne serbano un buon ricordo. Ai ragazzi piace, cattura la vicenda, catalizza la suspense, attrae il linguaggio pulp, mimetico e necessario a rappresentare la miseria di un immaginario paese della Puglia, incastonato in bionde colline ricche di grano e circondato dai terribili anfratti delle più tetre gravine.
Un pugno di case, una strada, Acqua Traverse. Una banda di bambini, adulti allo sbando, il sapore della povertà, quella dove si insinua il malcostume, il guadagno facile, la moda, anche quella, dell’ignobile stagione dei rapimenti. È il 1978. La vittima è Filippo, un bambino del nord che viene catapultato in un buco del sud, lì gettato, in attesa del riscatto. Vittima con lui è Michele che lo scopre casualmente e cerca di capire le ragioni della sua presenza, indagando l’oscuro mondo degli adulti, i veri mostri da temere che detronizzano in un colpo solo tutte le ataviche paure di un bambino di nove anni. È la storia di un legame profondo, non cercato, capitato, che permette però di far luce su tutti gli altri legami, quelli consolidati, quelli creduti certi e indiscutibili. È anche indirettamente il ritratto dell’Italia e dei suoi storici divari. Un piccolo romanzo di formazione consigliato a tutti, soprattutto ai giovanissimi.

Siti






 
©2006 ArteInsieme, « 09875825 »