Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  L'ora stabilita, di Francesco Filia, edito da Fara e recensito da Vincenzo D'Alessio 06/01/2020
 
Francesco Filia - “L’ora stabilita” - Fara Editore,2019



Ho letto con grande interesse la raccolta di Francesco Filia che reca il titolo “L’ora stabilita” (Fara,2019) incontrando le voci poetiche del secolo appena trascorso, “il Novecento, la più forte è stata quella del Nobel Eugenio Montale, in modo particolare i versi della raccolta “Ossi di seppia”.

L’incipit della raccolta di Filia si apre con l’invito al lettore di raccordare l’energia dell’anima alla fragilità del corpo:”… quando correre non / sarà questo fuggire ma restare / in sospensione /”(pag.15).

Il verbo utilizzato nelle composizioni è quasi sempre al futuro; compare la rima nelle prime composizioni:”(…) inciampando in una colpa / di orme sperdute, arrancando / fin dove una gamba ritorna / cancrena, dove / una lingua balbettando / soffoca, strema.” (pag.18).

Metafore e ossimori, verso breve lapidario che dà ai corpi poetici l’essenza della costruzione omogenea e contigua il senso della ricerca che il naufragio già scritto nella nascita di ogni essere vivente, si compia senza eccessivi attriti.

Il senso della ricerca continua nell’utilizzo delle parole “vuoto”, “silenzio”, ”strade”, “catrame”, passando per la nuda realtà della sofferenza:” Un richiamo/ muto / di stelle / ed erba falciata / arriva fin dove / una mano sfiora / il suo incubo /di accenti / e flebo strappate. / di quest’ultima / vena / non trovata.” (pag.29).

Assume la ricerca il confronto con la bella poesia a pag.54 dove la lezione dell’Ermetismo rende appieno l’assimilazione che il Nostro ha saputo realizzare e filtrare nei suoi versi: “ Non ci sarà assoluzione / per le nostre gole affogate / da quest’immenso di cieli / e pietre levigate,/ ma solo l’inevitabile: / essere, qui, ora / quel che già siamo.”(pag.54).

In questi versi la riproposta al mistero del suo e nostro divenire consolidando la ferma convinzione che la Poesia è chiamata a reiterare nei secoli la singola forza di un uomo rendendola fiamma dell’Universo conosciuto: “(…) Codesto solo oggi possiamo dirti, / ciò che non siamo / ciò che non vogliamo.” (Eugenio Montale:Non chiederci la parola.).

Oculata e indiscutibile è stata la scelta della Giuria del Concorso “Faraexcelsior 2019” che ha voluto assegnare a questa stupenda raccolta il primo premio consistente nella pubblicazione gratuita dell’opera presentata.

Risponde esattamente alle coordinate poetiche volute dall’autore la nota critica curata dal giurato Riccardo Deiana:” (…) La lezione, forse. è questa: è fondamentale certo sostare e lasciarsi e lasciarsi perfino imprimere dagli istanti cruciali, e patteggiare e specchiarsi in essi misurando puramente la nostra evanescenza,la possibilità di non avere “un conforto di un inizio” ma, di rovescio, l’istante, quell’ora in cui “caso e destino” s’incontrano in un “dettaglio fuori posto”, che pare tramarsi intimamente tra i versi di questa raccolta, non è tutto.(…)” Un ultimo, / forse, invisibile / riannodarsi”, non solo è sperato, ma è anche possibile.”(pag.).

Vincenzo D’Alessio



 
©2006 ArteInsieme, « 010334225 »