Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Autodifesa di Caino, di Andrea Camilleri, edito da Sellerio e recensito da Laura Vargiu 10/02/2020
 
Autodifesa di Caino – Andrea Camilleri – Sellerio – Pagg. 96 – ISBN 9788838940330 -Euro 8,00



Caino, un “Huomo da bene”



Pubblicato postumo un paio di mesi fa, “Autodifesa di Caino” è un appassionante monologo che il Maestro Andrea Camilleri ha lasciato ai suoi lettori dopo l’improvvisa dipartita dell’estate scorsa. Una piccola preziosa sorpresa che, a distanza di diversi mesi dall’uscita del precedente testo dedicato al personaggio di Tiresia, si contraddistingue anch’essa per l’originalità del soggetto trattato.
Non molti, infatti, darebbero tanto a cuor leggero la parola a Caino, il primo assassino della storia, sul quale pesa sempre come un macigno il racconto biblico che tutti abbiamo imparato a conoscere fin da bambini. Egli si presenta col garbo e l’abilità di un “contastorie”, riproponendo la vicenda che lo vide uccisore di Abele e insinuando riguardo a essa dubbi che non possono non indurre a riflettere meglio sulla questione.
Siamo certi che quello che passa tra i ruoli di vittima e carnefice sia un confine poi così netto? Chi potrà mai essere sicuro fino in fondo del fatto che Abele non abbia avuto a sua volta, e magari per primo, l’intenzione di uccidere suo fratello che, pertanto, potrebbe anche essersi ritrovato ad agire per paura e difesa? Non a caso, esiste una versione diversa da quella da sempre in auge, una variante che, affondando le proprie radici in antiche e misconosciute narrazioni legate per lo più alla tradizione ebraica, racconta una storia in cui il bene e il male finiscono per intrecciarsi e confondersi in maniera inevitabile; una storia secondo la quale Caino, condannato da Dio a vivere sulla terra per l’eternità, divenne addirittura fondatore di città, così come inventore di tecniche utili alla sopravvivenza umana e persino della musica. La consapevolezza “[…] che non sempre dal bene nasce altro bene e che non sempre il male genera altro male” è ben viva in lui che, “huomo da bene” come lo definì Giordano Bruno, continua a vivere in mezzo a noi in quanto simbolo, ma “[…]simbolo necessario, perché senza il male il bene non esisterebbe.”
Autodifesa di Caino” (Sellerio editore Palermo, 2019) è un libriccino che parla di bene e male, di libero arbitrio, di pentimento, della nefandezza della tortura. Una breve lettura, ma di profonda intensità e ricca di quella sensibilità propria dello straordinario autore che è stato Andrea Camilleri.

Ho finito davvero. Non voglio che pronunciate il vostro verdetto ora. Riflettete su quanto vi ho raccontato […] e poi decidete da voi. Secondo coscienza.”



Laura Vargiu

 
©2006 ArteInsieme, « 010434869 »