Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Un viaggio chiamato amore, di Sibilla Aleramo, edito da Feltrinelli e recensito da Siti 03/03/2020
 
Un viaggio chiamato amore – Sibilla Aleramo – Feltrinelli – Pagg. 130 – ISBN 9788807901669 – Euro 8,00


Una donna lei, un poeta lui



È un carteggio considerato oramai un classico, pur avendo edizioni precedenti - la prima è la cosiddetta vallecchiana risalente al 1958 - non cessa di rappresentare una sfida filologica per gli studiosi dei due scrittori italiani. L’edizione del 1987, curata da Bruna Conti, si è arricchita infatti degli studi successivi basati soprattutto sugli archivi di Sibilla Aleramo che, alla morte, la medesima lasciò al Partito comunista italiano per essere poi resi consultabili dalla Fondazione istituto Gramsci di Roma. La stessa prima pubblicazione non fu esente da acerbe critiche perché a detta di Franco Matacotta, ex amante della scrittrice nonché suo pupillo, stando ad una lettera di Dino Campana dove lo scrittore espressamente diceva “ le mie lettere sono fatte per essere bruciate”, quel carteggio non si sarebbe mai dovuto pubblicare. Lascio ai lettori scoprire i motivi che spinsero Matacotta ad operare in tal modo e non svelo altro dei retroscena molto ben argomentati dalla curatrice Bruna Conti nella minuziosa prefazione che introduce il volume e costituisce sicuramente la parte più interessante di questo libro. Le lettere, a onor di cronaca, furono spesso richieste espressamente alla scrittrice che le serbava gelosamente e lei le rese consultabili solo due anni prima della morte, quando appunto era già una donna anziana. La possibilità avuta dalla curatrice di esaminare anche alcuni scritti originali di Dino Campana ha permesso infine di gettare luce su una storia d’amore travagliata e dolorosa, nella sua brevità, ma che purtroppo stigmatizzava l’estrema libertà di Sibilla e ne faceva volontariamente, agli occhi dell’opinione pubblica, la colpevole della pazzia di Dino.

Il volume dunque è sicuramente consigliabile se si vuole conoscere i retroscena di una delle più famose storie d’amore fra letterati italiani, soprattutto se si vuole sapere la verità sul tormentato rapporto d’amore; va detto anche che ridotto al solo carteggio l’esperienza di lettura potrebbe apparire alquanto riduttiva e blanda nei contenuti ma, letta la prefazione, il lettore avrà modo di riflettere sul destino di un uomo e di una donna nella prima metà del secolo scorso, entrambi spiriti irrequieti e non facilmente inquadrabili nelle categorie del perbenismo di facciata imperante all’epoca. Buona lettura: una donna lei, un poeta lui.

Siti

 
©2006 ArteInsieme, « 010032347 »