Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Angeli di pietra, di Isabella Liberto, edito da 0111 e recensito da Laura Vargiu 03/05/2020
 
Angeli di pietra – Isabella Liberto – 0111 – Pagg. 228 – ISBN  9788893703383 – Euro 15,50


Bullismo


È un argomento di forte attualità, quello affrontato da Isabella Liberto nel suo romanzo pubblicato lo scorso anno. Un giallo dalla trama avvincente che cattura il lettore e che conferma il talento di questa giovane scrittrice siciliana da me già molto apprezzata grazie a un libro precedente.
Stavolta, oggetto della sua penna è stato il tema del bullismo, fenomeno in fin dei conti non certo nuovo, ma che in anni recenti ha finito per essere amplificato dalle moderne tecnologie, o meglio dal cattivo uso che di queste ultime viene fatto da alcuni, con conseguenze, come ci ricorda spesso la cronaca, a dir poco devastanti per le vittime. L'autrice è stata molto brava a raccontare l'indagine portata avanti dai detective Fallow e Ford che prende avvio con l'agghiacciante ritrovamento di un ragazzo rapito e tramutato in una sorta di angelo dalle pesanti ali di pietra. Sarà solo il primo di una serie di casi accomunati dal fatto che gli adolescenti coinvolti siano dei “bulli” avvezzi a vessare pesantemente, e non solo a parole, coetanei compagni di scuola o, addirittura, insegnanti.

Strada facendo, mentre si procede alla ricerca di colui che subito appare come un non sprovveduto giustiziere, emergono retroscena inquietanti che toccano tristemente altre problematiche sempre legate al mondo giovanile.
In parallelo, però, viene narrata con grande maestria anche un'altra vicenda, antecedente di circa vent'anni rispetto a quella principale ambientata ai giorni nostri. E sarà proprio l'incontro di queste due narrazioni, collocate su piani temporali differenti, a determinare la soluzione del mistero dei cosiddetti angeli di pietra attraverso un colpo di scena finale che farà strabuzzare gli occhi a chi legge, un colpo davvero da maestro per il quale va un meritatissimo plauso alla Liberto!
Una lettura consigliata agli amanti del genere giallo, ma non solo dal momento che l'argomento in questione viene toccato con evidente sensibilità, suscitando profonda amarezza e serie riflessioni.


Laura Vargiu

 
©2006 ArteInsieme, « 010434876 »