Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Storia triste di un libro di poesie, di Giovanna Giordani 27/07/2020
 
Storia triste di un libro di poesie

di Giovanna Giordani



La pubblicazione del libro di poesie è stata per me un’opportunità che mai avevo osato sperare nella mia vita.

E di questo evento, così gratificante a livello emotivo, devo essere riconoscente alla nuova tecnologia chiamata Internet. La pubblicazione è avvenuta a mie spese, ma in quel periodo potevo permettermelo. Cinquanta copie rimanevano a me e cento andavano immesse sul mercato. In caso di vendita, (oltre a un minimo che non ricordo) avrei percepito una percentuale. Se rimanevano invendute entro una data stabilita sarebbero state distrutte, secondo le ferree leggi del profitto…

Ebbene, sul mercato, entro la data stabilita, ne sono state acquistate ben 3. Il minimo delle vendite non era stato raggiunto. Quindi il mio guadagno fu zero, ma il guadagno non era quello a cui ambivo. Chiesi alla casa editrice se mi potevano dire i nomi dei generosi acquirenti, ma, per la privacy, mi fu risposto negativamente.

Così, purché i miei restanti “tesori” non andassero al macero (così teneri e indifesi, come avrei potuto?) ho acquistato anche la parte invenduta.

Siccome però in Internet avevo conosciuto degli scrittori/scrittrici che amavano poesia e prosa come me, non ci pensai due volte, sull’onda dell’entusiasmo, ad inviare loro in omaggio questa mia prima pubblicazione. Alcuni di loro, poi, sono stati gentilissimi e hanno recensito favorevolmente quei miei primi tentativi poetici. E non finirò mai di ringraziarli. Care, nobili, generose creature.

Qualche anno dopo su IBS online, mentre eseguivo una ricerca, con mia grande sorpresa, vidi che c’era ancora in vendita la mia “opera prima”, ma… con la scritta “non disponibile”. Per forza sono tutti nei miei forzieri privati. Fa niente, mi dissi, è andata così, pazienza.

Successe che qualche tempo dopo, casualmente mi imbattei in Amazon online e, sorpresa delle sorprese, vidi che il mio libro era in vendita a prezzo scontato. Cercai la scritta “non disponibile”, ma la fatidica scritta… non c’era. Secondo una logica stringente mi fu chiaro che qualcuno ai quali lo avevo regalato cercava di lucrare su di esso (possibile?!). Ma non poteva essere che così, visto che nella descrizione si dichiarava che il libro era autografato, quindi con valore aggiunto! Ma certo, l’avevo donato provvisto di immancabile dedica e firma.

Povero libretto mio, dovevo lasciarlo annegare nelle onde impietose e indifferenti del mercato come un naufrago nell’oceano? Certo che no. Ma chi, se non io, poteva salvarlo? Così ho lanciato la zattera e l’ho portato a riva sano e salvo. La dedica è stata magistralmente cancellata, ma il mio autografo c’è!! Che dire? Degli oggetti inutili ci si disfa, se poi ci si può anche guadagnare, meglio, no? Che gioia! Almeno qualcuno, in questa mia unica e irripetibile avventura editoriale, è riuscito ad incassare qualcosina…





 
©2006 ArteInsieme, « 010342127 »