Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Nel palazzo dell’ombra, di Graziella Cappelli, edito da Ibiskos Editrice Risolo e recensito da Piera Maria Chessa 11/10/2020
 
Nel palazzo dell’ombra – Graziella Cappelli – Ibiskos Editrice Risolo – Pagg. 100 – ISBN 978-8854611870




Lessi Nel palazzo dell’ombra, una raccolta di poesie di Graziella Cappelli, qualche anno fa, e fu veramente un piacere. Come sempre faccio, con la matita fermai sulle pagine alcune mie impressioni, ma, a lettura ultimata, non scrissi una vera e propria recensione. In quegli anni, infatti, non avevo questa abitudine, mi sembrava sempre che tra quello che scrivevo e ciò che intendevo dire non ci fosse corrispondenza.

E questa incertezza è rimasta tuttora in me, sebbene da alcuni anni abbia incominciato a scrivere qualche recensione.

In questi giorni ho ripreso tra le mani questa raccolta, che la stessa Graziella mi aveva donato, e l’ho fatto, credo, per il desiderio di sentire ancora vicina questa nostra amica che dai primi di settembre non è più con noi.

Ed ecco che la ritrovo nelle sue immagini di vita quotidiana, che ti catturano con la loro essenzialità ma anche con la loro armonia. Perché il suo stile è esattamente così: spesso essenziale, ma sempre armonioso. Quadretti che sembrano dei piccoli dipinti, e che ti invitano a entrare nel suo mondo.

E a te viene da farlo con la stessa discrezione con la quale lei si è sempre posta con gli amici ma anche con i suoi lettori

Gorgheggia/il caffè/nella moka/sul tavolo/quattro biscotti/ e una tazza di latte./Scoppietta/ilfuoco/nel camino/ e ondate calde/m’avvolgono.”(Da Minime gioie)

E poi c’è la Graziella che amava la natura in tutte le sue forme. E’ riduttivo forse dire che l’amava soltanto, perché era capace di diventare quasi un tutt’uno con il mondo naturale. Era amore che si traduceva in rispetto, attenzione e stupore, davanti alla grandi come alle piccole cose. E non c’era niente che avesse meno valore per lei.

La bellezza di una foglia o di un fiore di campo non era inferiore alla superba bellezza delle rose, all’immensità del mare o del cielo. E lei era consapevole di far parte di quel mondo, una piccola ma importante parte, proprio come ognuno di noi, però comprendeva bene che non siamo padroni della natura, ma che, al contrario, abbiamo avuto l’immenso dono di poterla ammirare e di poterne usufruire.

Nel bosco/indossi la veste/e sei falò/tra foglie nere./Poi siedi/su cuscini/di nuvole/e mostri/sensuali forme/in argentee radianze.” (Da Luna piena d’agosto)

Nei testi poetici che vanno a formare questa silloge, c’è anche un’altra Graziella: quella che sapeva osservare con occhio attento il mondo degli uomini, spesso così superficiali nei loro sguardi e nei loro comportamenti .Una poesia civile, la sua, in questo caso.

Versi che sanno essere forti e incisivi nel mostrare la propria contrarietà verso azioni che lei non poteva condividere.

Cervelli/di latta/mascelle/di mastino/fauci/bavose./Alla gola/ci hanno/morso/e succhiato/il sangue.” (Da I nostri politici)

Nel suo Palazzo dell’ombra c’è anche l’amore incondizionato per la Toscana, la sua splendida regione, alla quale ha regalato dei versi belli e intensi.

Sirena/emersa dal mare/adagiata e pigra/mostri/geometria di forme/ morbide./ Ti ornano le spalle/i ricci capelli/d’Appennino/e gli occhi d’agata/sfumano…/nell’infinito./” (DaToscana)

Non si può dimenticare neppure l’amore per gli animali, in particolare per i gatti. A loro ha donato se stessa, quasi fossero umani. Una tenerezza di cui pochi sanno essere capaci.

Mite Morgana/mantello/morbido/magico/musicale/miagolio.” (Da Mi manchi…)

Ma c’è tanto altro in questa raccolta . E’ presente infatti anche il dolore, e non solo quello fisico. Dolore che si tinge di nostalgia quando racconta del fratello o del padre che non ci sono più, ma anche di un amico, vicino di casa.

Hai capelli d’inverno/occhi/lucenti d’onice./Riaffiorano/ancora/sulle ciglia/aquiloni bianchi e/rocchetti/intagliati/d’infanzia.” (Da Fratello)

Graziella era capace di accogliere tutti tra le sue braccia, perchè lei era fatta così.

Per chiudere le mie riflessioni su questa bella raccolta, riporto l’ultima parte di un testo che bene evidenzia la sua incredibile generosità.

Non ho /soldi in tasca/né mani sante/per guarire/le piaghe della Terra./ Eppure…/il mio cuore/è un’arca/che accoglie/tutti gli esseri/maltrattati/mentre/le braccia/impotenti/vorrebbero/cullare il Mondo.” (Da Eppure)

Io credo che sia per questo motivo, oltre che per la sua bravura, che chi oggi la ricorda e la rimpiange non potrà mai dimenticarla.

Di questi tempi, una bontà come la sua è qualcosa di raro, un bene troppo prezioso per non sentirsi, dopo averla incontrata, un po’ più ricchi.



Piera Maria Chessa






 
©2006 ArteInsieme, « 010481524 »