Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Faglia - Faulto (poesie) Avviamento all’esperanto, di Alessandro Ramberti, edito da Fara e recensito da Carla De Angelis 11/11/2020
 
Faglia – Faulto (poesie) Avviamento all’esperanto – Alessandro Ramberti – Fara- Pagg. 144 – ISBN 978 88 97441 25 0 – Euro 10,00

Suggestione di lettura



 

il dubbio propaga l’incertezza

Vorresti un profumo di speranza

La nota di nardo dell’altezza”.

 

Ho letto il libro di Alessandro Ramberti non appena lo ho avuto tra le mani. Da sempre  i suoi versi mi portano lontano,  in strade difficili, ma tranquille,  a pensieri  profondi .

Per questo motivo ho avuto bisogno di altre letture , un  ascolto attento  e gentile per poter capire e navigare tra quelle parole  non sempre facili , ma attrattive e belle., era come se si  fossero aperte le porte che conducono  sia all’interiorià che  alla esteriorità e tutto divenisse a portata di mano, un mondo trasparente dove poter cambiare e volare  alto .

 “ La lingua del cuore è questa musica /che plasma i sospiri con la vita/, ci sposta nell’area indefinita”……..in cui ci sentiamo fuori e dentro (pag. 9).

Ho riflettuto che non potevo affidarmi solo all’istinto e alla  sensazione di benessere che la lettura mi procurava.

Continuiamo il camino che altri hanno ci lasciato e che  a nostra volta lasceremo (pag. 49) ma non possiamo lasciare solo materialità senza la conoscenza di noi e dell’altro, così  la poesia di Alessandro Ramberti  attraversa la morale, il sociale e la spiritualità : “Amica ti prego dimmi tu/il nome con cui sono chiamato”……….

Conservo di questa lettura i colori , la gentilezza , la risolutezza , un attimo e l’insieme della vita. La Sua poesia mi ha parlato ed io ho parlato a  lei, più spesso ho taciuto come una scappatoia per ascoltare :”L’arpeggio discioglie la mia angoscia….” (pag.28)

Qohèlet ci chiama a condividere/domande emozioni sentimenti/ a vivere l’ora quotidiana”………è un invito che richiede la volontà di parlare tutti la stessa lingua, quella che Alessandro Ramberti ci propone dopo  avere letto la sua Poesia. Questo è il nostro Poeta , generoso attento alla vita e a chi la abita.


Carla De Angelis

 


 
©2006 ArteInsieme, « 010536323 »