Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Le sirene di Baghdad, di Yasmina Khadra, edito da Mondadori e recensito da Laura Vargiu 12/09/2021
 
Le sirene di Baghdad – Yasmina Khadra – Mondadori – Pagg. 280 – ISBN 9788804586869 – Euro 9,50


Devastazioni


Iraq del dopo Saddam Hussein. Con la caduta del ra'ìs nel 2003, le truppe statunitensi controllano il Paese, che continua tuttavia a essere devastato da esplosioni e attentati. Le città, inclusa la capitale, sono campi di battaglia in cui i morti ormai non si contano più tra i civili, spesso vittime da un lato del fuoco americano e dall'altro degli attacchi (anche suicidi) degli stessi combattenti locali. Dimenticato nel mezzo del deserto iracheno, il villaggio di Kafr Karam è rimasto a lungo incolume al di fuori di tutta quella follia, finché la guerra non irrompe brutalmente anche lì, tra la polvere e la monotonia delle abitudini senza tempo dei suoi abitanti, attraverso i marines con le armi spianate. È da qui che partirà la rabbia feroce di un giovane beduino, pronto a tutto pur di vendicare l'offesa e l'umiliazione subite.

L'abile penna di Yasmina Khadra si concentra stavolta su un altro martoriato angolo di quel Vicino Oriente dove la parola pace – come da lungo tempo ci raccontano le cronache – sembra rivelarsi pura illusione, nonostante i tentativi di esportare democrazia e sicurezza... a suon di bombe. Come farà poi in “Khalil” (Sellerio, 2018), lo scrittore algerino scandaglia con cura le devastazioni dell'animo di chi crede di non avere altro mezzo, per porre fine ad abusi e ingiustizie, se non il proprio corpo. Il protagonista, l'io narrante che accompagna il lettore, a Baghdad finisce in una rete terroristica che, ovviamente, di islamico nel senso proprio del termine non ha nulla, nella quale ritrova diversi giovani del suo stesso villaggio, tutta gente prima sfaccendata al vecchio caffè Safir. I personaggi, da quelli principali a quelli secondari, hanno la loro giusta collocazione, contribuendo a rendere la storia narrata più che verosimile; tra quelli più riusciti, Omar il Caporale, un ex militare, a Kafr Karam considerato “un malessere ambulante”. In principio volgare e apparentemente insensibile, sarà però lui a rivolgee al giovane protagonista uno dei discorsi più sensati e di cuore in mezzo alle farneticazioni di gente senza scrupoli:

Se vuoi combattere, fallo con onestà. Combatti per il tuo Paese, non contro il mondo intero. Non uccidere il primo che passa, non sparare alla cieca. Muoiono più innocenti che farabutti. […] Il mondo non è nostro nemico. Ricorda i popoli che hanno protestato contro la guerra preventiva, i milioni di persone che hanno sfilato a Madrid, Roma, Parigi, Tokyo, in America e in Asia. […] Sono stati più numerosi che nei Paesi arabi. […] Sarebbe atroce fare di ogni erba un fascio. Sequestrare giornalisti, giustiziare membri di Ong che sono in mezzo a noi solo per aiutarci, non è nelle nostre abitudini. Non offendere nessuno. Se pensi che il tuo onore debba essere salvato, non disonorare il tuo popolo. Non cedere alla follia. […]”

Una prosa, quella di Khadra, assai scorrevole nella forma e pesante come un macigno quanto alle tematiche affrontate che trovano saldo appiglio nella crudele e incancrenita realtà del nostro tempo. Un romanzo che si legge d'un fiato, decisamente appassionante e coinvolgente sino alle pagine conclusive, quando con sollievo, nonostante il tragico epilogo, si scopre che briciole di cuore e di speranza resistono alla tempesta più atroce che vorrebbe spazzarle via.


Laura Vargiu

 
©2006 ArteInsieme, « 011170661 »