Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Letteratura  »  Le dieci morti di Trans-Silvana, di Giovanni Buzi, edito dal Foglio e recensito da Katia Ciarrocchi 08/04/2011
 

Le dieci morti di Trans-Silvana

di Giovanni Buzi

Edizioni Il Foglio

www.ilfoglioletterario.it

Narrativa racconti

Collana Fantastico e altri orrori

Pagg. 165

ISBN 9788876062469

Prezzo € 14,00

 

 

 

Ricordando Giovanni Buzi


In una cosa ero maestra: nel vendere illusioni, nel creare cieli aperti, far apparire l’Invisibile.


E’ da poco in libreria un’avvincente raccolta di racconti di Giovanni BuziLe dieci morti di Trans-Silvana”edita da Il Foglio, un libro che mi ha intrigato lasciandomi un sapore di buono sulle labbra.
Mi spiego meglio: ammaliante è la scrittura di Buzi che senza orpelli, senza giri di parole arriva diretta e affonda il bersaglio (lettore) lasciandolo interdetto, divertito, spiazzato e perché no, forse anche un po’ “arrapato”.
Insegnante di lingua e cultura italiana al Parlamento Europeo di Bruxelles, pittore apprezzato, scrittore, in intervista dichiara che inizia a scrivere per solitudine e nostalgia, dopo aver lasciato l’Italia e da lì “una molla che scatta” prosegue regalandoci romanzi, raccolte di novelle e saggi: La Signora dalla Maschera d’Oro, Edizioni Il Foglio, 2009, un “viaggio nella sensualità oscura di un’Italia che ha perso i contorni soleggiati dell’immaginario collettivo per piombare nelle pagine della cronaca nera, nel disegno di un paese fin troppo simile a quello reale” come lo descrive Gerardo Di Filippo. “Alchimie d’amore e di morteTabula Fati, 2006 dove “Giovanni Buzi invita a perdersi e ritrovarsi negli intricati labirinti della mente e delle parole in metamorfosi” (Gianfranco Nerozzi); “Agnese“, Tabula Fati, 2005,  e molto altro ancora.
Buzi ci lascia dopo una lunga lotta contro il cancro il 17 marzo 2010 lasciandoci in eredità un ultimo libro, un vero e proprio capolavoro nel suo genere.
Toccante la nota iniziale né “Le dieci morti di Trans-Silvana” di Gordiano Lupi dove racconta l’uomo artista nel più ampio significato della parola, senza far cenno alla raccolta che si presenta da sola.
I racconti che creano “Le dieci morti di Trans-Silvana” sono racconti con trame indipendenti ma hanno come filo conduttore la bellezza intesa come perfezione, “Perché donna era Silvana, e che donna! Ma provvista di quello che le donne possono solo sognare”, una bellezza da conservare “imbalsamare” ricercare, possedere, un qualcosa che fa sognare desiderare soprattutto per quel “di più” che possiede quel qualcosa che rende felici anche quando non si è mai immaginato; le perversioni subconscie dell’essere umano, perversioni solo sognate e desiderate, perversioni provate che sfociano spesso in morte, per rinascere di nuovo nella mente e poi continuare a morire e rinascere fino all’eternità (ammesso che un’eternità poi ci sia).
La mia immaginazione è malata, la mia mente un labirinto di specchi deformati, sui quali si rincorre e si moltiplica la luce. Fino ad accecare. Fino a cadere in ginocchio e non aver più la forza di urlare né di pensare.
E’ una miscela di humour nero, Sesso, orrore, ma soprattutto un vero e proprio inno alla vita, quella stessa vita che lo ha tradito.
Buzi mi ha regalato grandi emozioni, con il suo cinismo, la durezza nel narrare avvenimenti immaginari, ma con la grande capacità di conciliare eleganza raffinata e ironia.
Uno scrittore completo nel vero senso della parola, ma in realtà, non potevamo aspettarci altro se non la perfezione in un grande Artista.

 

Giovanni Buzi è nato a Vignanello, in provincia di Viterbo, il 10 Marzo del 1961, e si è spento prematuramente, dopo una lunga lotta contro il cancro, il 17 marzo del 2010 a Bruxelles. Personalità eclettica e difficilmente classificabile, Buzi è stato pittore molto apprezzato e scrittore di narrativa e saggistica. Ha insegnato Lingua e Cultura Italiana al Parlamento Europeo di Bruxelles e Storia dell’arte contemporanea all’Académie des Arts di Bruxelles. Ha pubblicato sei romanzi, tra cui Agnese (Tabula Fati, 2005), Uragano (Delos Books, 2008) e La signora dalla maschera d’oro (Il Foglio, 2009), tre raccolte di novelle oltre a una quantità di racconti sparsi in antologie. Il racconto La collana di perle celesti, presente in questo testo, ha vinto il Premio Profondo Giallo 2005 ed è stato pubblicato nella collana Il Giallo Mondadori. Le dieci morti di Tran-Silvana è la sua ultima opera.

 

Katia Ciarrocchi

 

www.liberolibro.it

 

 
©2006 ArteInsieme, « 07950606 »