Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Canti celtici  »  La recensione di Pina Vicario 20/03/2008
 

Canti celtici

di Renzo Montagnoli

Prefazione di Patrizia Garofalo

Immagine di copertina e fotografie

all’interno di Renzo Montagnoli

Elaborazione Grafica di Elena Migliorini

Edizioni Il Foglio

http://www.ilfoglioletterario.it/

ilfoglio@infol.it

Collana Autori Contemporanei Poesia

Diretta da Fabrizio Manini

Poesia – poema

Pagg. 90

ISBN: 978-88-7606-162-2

Prezzo: € 10,00

 

 

 

Un tessuto sottile di smemorante ebbrezza ci avvolge nel leggere “I Canti Celtici” di Renzo Montagnoli. I motivi immaginifici e fiabeschi, come mito rigenerato, ci immergono in uno scenario bucolico, dove il fiume e le sue acque - amore primigenio del poeta - giocano un ruolo di incantamento, segnato spesso da timori e turbamenti che ci riportano fuori dalla magia ritmica del verso per farci sprofondare nella brutale realtà di un quotidiano sconsolato e avvilente.

Il sogno, come tutti i sogni, si disperde nell’assurdità di un presente precario e di un futuro neppure ipotizzabile dall’odierna visuale ecologica così problematica.

... La mente corse invano all’acqua/increspata dalla brezza del mattino,/ e sul fondo non vide che lo spesso strato del limo... (La ninfa del Lago).

Dalle pagine dei “Canti Celtici” ci giunge un alitare di immagini lievi, “il plenilunio”, “la voce grave e possente del fiume” le “file di salici, chinati sull’acqua” i “canneti ondeggianti nel vento” “le ninfe” che si specchiano nell’acqua, “gli argentei riflessi dei piccoli pesci” ma anche le riflessioni più crude e implacabili: “Ormai quelle ossa son polvere/ impalpabili come il ricordo/ che ci illuderemo di lasciare/ a posteri già nati senza memoria.

Il senso del colore, il narrare con tonalità fiabesche, il rimpianto del passato, il ritmo interno del verso costituiscono una costante e il fascino de “I Canti Celtici”.

Nelle liriche di Renzo Montagnoli c’è dunque sempre una pennellata suggestiva, uno scatto coloristico, surreale, una visività palpabile del paesaggio, del territorio, della sua terra, del mito stesso, anche se a volte vengono adombrati da un pessimismo amaro e doloroso.

La poesia, più di ogni altra forma letteraria, fa la storia dell’uomo.

Le idee, le riflessioni, le introspezioni sono momenti irripetibili che solo un poeta sa raccontare con la levità del sogno. Ma dentro il sogno è racchiusa la realtà più vera e vibrante, perché la parola del poeta è religione ed è anche veggenza oltre che consapevolezza di vita.

 

                                                                                              Pina Vicario

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09046095 »