Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Bell'Italia  »  Il lago di Santa Giustina, di Renzo Montagnoli 09/10/2017
 

Il lago di Santa Giustina

di Renzo Montagnoli




La Val di Non si trova nel Trentino, fra la Val di Sole e la Valle dell’Adige. Giustamente famosa per la sua produzione di mele (basti pensare al Consorzio Melinda, famoso non solo in Italia, ma in tutta Europa) presenta diverse attrattive naturali ed artistiche, e quasi al suo centro il lago artificiale di Santa Giustina, creato con uno sbarramento sul torrente Noce. Lo specchio d’acqua ha una superficie di circa 3,5 Kmq., una capienza di 182 milioni di metri cubi d’acqua e alimenta le turbine da 34,5 MW della centrale di Taio. La diga, quando fu inaugurata (correva l’anno 1951) con i suoi m. 152,50 di altezza era la più elevata in Europa e ancor oggi è impressionante, stando sulla sua sommità, guardare verso il basso, esperienza interessante, ma ovviamente sconsigliabile a chi soffre di vertigini. Come sempre accade con i bacini artificiali anche in questo caso, a invaso completamente riempito d’acqua, sono stati sommersi, insieme a 406 ettari di terreno, masi, strade e ponti, ma quando il livello viene riportato artificialmente al di sotto della quota massima di 530 metri sul livello del mare riaffiorano alcuni ponti, fra i quali il Ponte dei Regai e il Ponte della Mula sul Rio di San Romedio. Il celebre santuario, per fortuna non è stato interessato dalle conseguenze dell’invaso, come peraltro l’Eremo di Santa Giustina (da cui il nome del lago), sito nella forra alla base della diga e ai cui ruderi si accede attraverso un sentiero scosceso che parte dall’abitato di Dermulo. Sulla sponda destra si trova invece ben conservato il Castello di Cles, posto sulla cima di un promontorio e di fatto specchiantesi nella superficie del lago. Edificato probabilmente nel XII secolo, in posizione dominante e quindi strategica, è conservato perfettamente, nonostante i danni subiti nel XVI secolo durante la rivolta dei contadini, danni prontamente riparati, ed è attualmente ancora di proprietà degli originari signori, cioè i baroni Clesio, e pertanto non è visitabile. E’ un peccato, perché all’interno ci sono pregiati affreschi cinquecenteschi.

Come sovente capita per i laghi artificiali, difficilmente le sponde sono facilmente percorribili, magari a piedi. Tuttavia, presenta luoghi che meritano di essere visitati come la terrazza panoramica del parco del Dos di Pez, da cui si può ammirare il Castel Cles che domina il lago, il Dos del Castelaz, dove passa l’unico ponte che scavalca il bacino e c’è uno spiazzo in cui fermarsi per poter ammirare gran parte di esso, e infine l’area Le Plaze del Comune di Taio, sulla riva di Sud-Ovest, dove c’è uno spazio attrezzato in cui si può fare pic-nic, passeggiare oppure anche solo prendere il sole. All’inizio di Agosto poi c’è la Dragonessa, una regata di dragon boat, la caratteristica imbarcazione cinese addirittura a 20 posti, con cui si fronteggiano diversi equipaggi provenienti per lo più dall’Italia settentrionale.

Mi permetto di ricordare la posizione strategica del lago di Santa Giustina e della Val di Non. Bolzano e Merano sono mete vicine, come il lago di Caldaro, raggiungibile tutte attraverso il passo della Mendola; pure le famose Dolomiti di Brenta, visibili nella loro parte orientale, non sono senz’altro lontane, perché Andalo è a non più di una ventina di chilometri percorribili su una comoda e panoramica strada che peraltro lambisce, per un breve tratto, il famoso Centro Orsi, istituito per il ripopolamento sulle Alpi del famoso plantigrado. Nei dintorni, da vedere poi, altre amene località, come il Santuario di San Romedio, il lago di Tovel, un tempo dalle rosse acque, il lago di Molveno, il lago Smeraldo, lo stupendo Castel Thun e l’incantevole Castello di Stenico. Quindi, troviamo arte e natura, un binomio tipico della nostra bella Italia, capace di soddisfare, anche qui, le esigenze più diverse.



Fonti:

I Love Val di Non – www.ilovevaldinon.it


Progetto dighe – www.progettodighe.it


APT Val di Non – www.visitvaldinon.it



Le fotografie:


Castel Cles e lago di Cles , reperita nel sito Grandi Hotel – www.grandihotel.it


Diga di Santa Giustina, reperita nel sito I Love Val di Non – www.ilovevaldinon.it


L’altra veduta della diga di Santa Giustina è stata reperita nel sito www.vitatrentina.it





 
©2006 ArteInsieme, « 09045055 »