Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Balene Bianche, di Sabrina Campolongo - Michele Di Salvo Editore 26/04/2007
 

Balene Bianche

di Sabrina Campolongo

Michele Di Salvo Editore

Narrativa – raccolta di racconti

Pagg. 86

ISBN: 88-6033-013-0

Prezzo: € 9,00

 

Sabrina Campolongo, giovane autrice milanese, fa il suo esordio letterario con questa raccolta di racconti che parlano di amore, un amore non vissuto però, una sorta di inconsapevole attrazione che muove i personaggi, essenzialmente femminili, fatta eccezione per Michelino, un bambino in preda a un'infatuazione tipicamente infantile.

Il tema non era certo facile, perché è meno arduo scrivere di qualche cosa di cui il personaggio è cosciente; e invece ci troviamo di fronte a quelle sensazioni non facilmente descrivibili che potremmo definire più proprie dell'innamoramento.

La mano leggera della Campolongo riesce a trasmettere questa sorta di momento psicologico con lo svolgimento delle trame, i cui attori interpretano di volta in volta diverse tipologie dell'essere umano, passando dalla modella insoddisfatta all'anziana prostituta ormai rassegnata.

Personalmente, fra i sette racconti le mie preferenze vanno a:

Nora Nora Nora, una storia di emarginazione sociale, in cui la dimensione dello squallore viene mitigata da un affetto quasi materno della prostituta Nora per Samuele, un ragazzo anche lui segnato irrimediabilmente dalla vita;

Lei deve essere Erica, in cui questo innamoramento lascia spazio a tante possibili soluzioni, non esclusa quella di un'infanzia che mai ritornerà;

Le mani delle sante, dove il personaggio del bimbo Michelino riesce ad avere tutta l'innocenza della sua età di fronte a un turbamento di cui non riesce ancora a trovare una spiegazione logica.

Lo stile non è involuto, anzi è funzionale al ritmo, volutamente calmo, della narrazione e contribuisce alla piacevole lettura di questa raccolta.

Quello di Sabrina Campolongo è quindi un esordio positivo e ora è naturale attendersi da lei una conferma, magari con un romanzo.

 

Sabrina Campolongo è nata il 16 agosto del 1974, nel milanese. Dopo aver conseguito un diploma linguistico, ha lavorato come impiegata fino al 2003, quando ha deciso di concedersi il  tempo per occuparsi dei suoi due bambini e per scrivere.

Nel 2000 il suo primo romanzo giallo, tuttora inedito, è stato scelto tra i sei finalisti del premio Alberto Tedeschi (giallo Mondadori).

Nel 2005 uno dei  suoi racconti è apparso sulla Writer's Magasine Italia, edita da Delosbooks e un altro ha vinto il concorso letterario Ore contate ed è stato pubblicato sulla relativa antologia, curata da Ibis edizioni.

Nel marzo 2007 pubblica, con Di Salvo Editore, il volume di racconti Balene Bianche.

Sito Internet: http://balenebianche.splinder.com/

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 014136285 »