Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Il generale di Diocleziano. Il legato romano, di Guido Cervo, edito da Piemme 09/12/2020
 
Il generale di Diocleziano. Il legato romano – Guido Cervo – Piemme – romanzo storico – Pagg. 400 – ISBN 9788856677294 – Euro 18,90



Un protagonista indimenticabile



Ero ancora un bambino quando lessi Ivanhoe e per me fu una folgorazione, perché ritrassi l’impressione di essere entrato nella storia, con l’aggiunta di una mia fantasia personale che mi portava a vedere, secondo i miei gusti, le pagine che così sapientemente aveva scritto Walter Scott. Da allora questo genere è rimasto il mio preferito e posso dire che fra le mie letture è preponderante. Inoltre, ogni volta che inizio a leggere un romanzo storico provo ancora la stessa emozione della prima volta, a maggior ragione se so che l’autore è uno di quelli che non mi tradirà, che non mi spaccerà per grande storia un raccontino banale e insulso, e fra questi validi narratori figura Guido Cervo che ho avuto modo di conoscere con un’opera di narrativa di notevole pathos, quei Ponti della Delizia che parla della drammatica ritirata di Caporetto; poi l’ho apprezzato per la sua imparzialità nel descrivere la tragedia della guerra civile dopo l’8 settembre 1943 (Bandiere rosse, aquile nere) e infine ha continuato ad affascinarmi con la serie del Teutone, la trilogia del cavaliere dell’Ordine Teutonico Eustachius von Felben ambientata nel XIII secolo. Per completare la mia conoscenza di questo romanziere sono rimaste solo le opere del legato romano e Il generale di Diocleziano è la prima che ho esaminato. Al riguardo ritengo doverosa una premessa, cioè desidero mettere in risalto l’indubbia capacità di Cervo di creare personaggi con cui si entra facilmente in empatia e Valerio Metronio Stabiano, appunto il legato romano, è uno di questi. Uomo tutto di un pezzo questo gallo-romano abituato a vincere tutte le battaglie non è un genio, né un superuomo, è semplicemente un essere umano, dotato di indubbie qualità, che emerge per intelligenza e rettitudine, tanto che mi viene da dire che potrebbe essere il fratello che abbiamo sempre desiderato avere. Questo soldato apparentemente in disarmo e che conduce una vita da aristocratico nella sua bella villa viene richiamato per debellare prima la rivolta dei Bagaudi, che soffocherà riportando l’ordine, e poi l’invasione dei Burgundi, che verranno inevitabilmente e irrimediabilmente sconfitti. Queste campagne verranno svolte con forze ridotte, fra le quali spicca una legione, quella tebana, in precedenza assoggettata alla decimazione essendo costituita per una parte non trascurabile da convertiti al cristianesimo. I militi superstiti, ivi compresi alcuni cristiani che ob torto collo hanno sacrificato agli dei, desiderosi di riscattare il loro onore diventeranno la forza migliore a disposizione di Valerio Metronio. La descrizione dei luoghi, la capacità nel ricreare atmosfere sono proprie dell’autore e non poco contribuiscono al successo di un romanzo che si fa apprezzare anche per la caratteristica di avvincere il lettore, dall’inizio alla fine.

Mi preme inoltre evidenziare come l’autore abbia curato in modo particolare gli indispensabili riferimenti storici al punto perfino di indicare con l’originario nome latino le città interessate alla vicenda, opportunamente riportando all’inizio l’attuale corrispondente denominazione, in modo da aiutare il lettore a identificare esattamente sulla carta geografica le zone di svolgimento della storia che nelle sue linee essenziali corrisponde a ciò che effettivamente avvenne.

Concludo dicendo che Il Generale di Diocleziano mi ha talmente convinto che ho in animo di leggere anche i precedenti tre romanzi del Legato romano.

.


Guido Cervo vive e lavora a Bergamo. È autore di romanzi di successo, tutti pubblicati da Piemme, tra cui "La trilogia del Legato romano", che ora viene riproposta, nel suo primo volume, in una nuova versione, la serie Il Teutone e due romanzi che affrontano i tragici conflitti mondiali del Novecento: Via dalla trincea e Bandiere rosse, aquile nere...


Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 011272134 »