Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  La lunga notte, di Leonardo Gori, edito da TEA 07/11/2021
 
La lunga notte

di Leonardo Gori

Edizioni TEA

Narrativa

Pagg. 272

ISBN 9788850261956

Prezzo Euro 15,00


L’armistizio dell’8 settembre 1943


Credo che per Leonardo Gori Bruno Arcieri sia non solo il personaggio che ha creato, ma anche un amico ideale in cui si riflettono le sue sensazioni ed emozioni; del resto non potrebbe essere altrimenti, perché con La lunga notte siamo arrivati al tredicesimo episodio che, nella circostanza, vede impegnato l’eccellente ufficiale dei carabinieri in una delicatissima missione che si svolge, per lo più a Roma, dal 6 al 9 settembre 1943. Si tratta di quattro giorni fatidici, quelli che precedono e seguono immediatamente l’8 settembre, allorché il messaggio di Badoglio alla nazione, alquanto sibillino, annunciava l’intervenuto armistizio con gli anglo americani. Si tratta, ancor oggi, di un tema scottante, di cui non è facile parlare, perché un atto così determinante comportò l’abbandono dell’Italia e degli italiani al prevedibile risentimento dei tedeschi, con la vergognosa fuga del re e della sua corte con ogni probabilità mercanteggiata con i nazisti. E per fortuna che Vittorio Emanuele III era soprannominato il re guerriero, ma di certo gli si addiceva molto di più l’appellativo di re sciaboletta, a causa della sua bassa statura, anche morale.

Alla luce di questi fatti Gori ha dovuto procedere con particolare attenzione riproducendo, sulla base della documentazione storica, quanto effettivamente avvenne, inserendo il personaggio del Capitano Arcieri con congruità rispetto agli avvenimenti. La sua missione è quella di far da interprete, ma anche di spiare, due alti ufficiali americani fatti venire a Roma per discutere dei piani di difesa della capitale. In questa vicenda si inserisce poi un’altra, nel non facile rapporto con la bella Elena Contini, coinvolta addirittura in un caso di omicidio.

Leonardo Gori si destreggia bene in una trama in cui sembrano maturare nuove congiure, con gli alti comandi che conducono un doppio gioco, un tira e molla che spazientisce gli americani che finiranno per rinunciare alla difesa di Roma, così come preteso da Badoglio e che fu probabilmente uno dei termini degli accordi con i tedeschi per permette al re di fuggire. In questo guazzabuglio lo sfacelo di un regime è reso splendidamente, tanto che sembra di respirare un’aria marcescente, con personaggi di primo piano che hanno perso completamente il senso dell’onore e che ignorano ciò che vuol dire il termine dignità; così tutti pensano solo all’interesse personale, a mettersi in salvo, tutti meno il capitano Bruno Arcieri.

La serie mi è piaciuta tutta nel complesso, magari con qualche episodio che ho gradito meno, ma credo che il livello qualitativo si sia mantenuto buono. Questo tredicesimo, tuttavia, anche per le difficoltà che comportano la vicenda storica e per la capacità dell’autore di attenersi strettamente ai fatti è indubbiamente di notevole qualità, tanto che credo si possa considerare come il capolavoro di Leonardo Gori.

Non è un problema quindi consigliarne la lettura, anzi mi sento di raccomandarla vivamente.


Leonardo Gori è uno scrittore italiano, autore del ciclo di romanzi di Bruno Arcieri, capitano dei Carabinieri nell’Italia degli anni Trenta. Il primo romanzo, Nero di maggio, si svolge nella Firenze nel 1938; seguono Il passaggioLa finaleL’angelo del fango (Premio Scerbanenco 2005), Musica neraLo specchio nero Il fiore d’oro, gli ultimi due scritti con Franco Cardini. La serie di romanzi è in corso di riedizione in TEA. Ha scritto anche thriller storici ed è stato co-autore di saggi sul fumetto e forme espressive correlate (illustrazione, cinema, disegno animato).



Renzo Montagnoli


 
©2006 ArteInsieme, « 011934696 »