Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Luce della notte, di Ilaria Tuti, edito da Longanesi 03/01/2022
 
Luce della notte

di Ilaria Tuti

Edizioni Longanesi

Narrativa

Pagg. 256

ISBN 9788830457225

Prezzo Euro 16,00



Non ci siamo




Da quella che all’uscita del suo primo thriller (Fiori sopra l’inferno) è stata chiamata, secondo me troppo generosamente, la regina in Italia di questo genere, non mi sarei certo aspettato la rovinosa caduta di cui è colpevole questo Luce della notte. In verità, anche nel romanzo precedente (Ninfa dormiente) avevo riscontrato non poche incongruenze e un finale affrettato con un colpevole non molto probabile, ma erano difetti che imputavo all’inesperienza; tuttavia, ora dopo due libri usciti – a cui c’è da aggiungere Fiore di roccia, di genere tutto diverso - era lecito attendersi un miglioramento della qualità, prima non modesta certamente, ma senz’altro ampiamente migliorabile. E invece Luce della notte ripresenta le solite incongruenze, ampliandole addirittura. Già il fatto che una bimba, affetta da una strana malattia genetica che le impedisce di esporsi alla luce solare, con il suo sogno ricorrente determini l’intervento della polizia, nella persona di un commissario Teresa Battaglia, che con le sue nevrosi ripetute sembra quasi una macchietta, non ci sta proprio. E da lì si dipana una vicenda che ha a che fare con l’immigrazione clandestina dai Balcani ed è per niente credibile, con personaggi che appaiono quasi per miracolo e comunque non abbastanza delineati, in un crescendo in cui la tensione si smorza progressivamente, per arrivare a una conclusione affrettata e ben poco logica.

E’ un peccato, perché l’idea non era per niente male, ma è lo svolgimento che è mancato. Per il seguito è meglio che l’autore abbia ben chiaro ciò che vuole dire prima di iniziare la stesura, perché altrimenti è facile che si perda per strada, come in questo romanzo, che inizia come un horror, che vuole diventare un thriller e che finisce quasi come una parodia dei polizieschi.



Ilaria Tuti è nata a Gemona del Friuli, in provincia di Udine. Ha studiato Economia. Appassionata di pittura, nel tempo libero ha fatto l’illustratrice per una piccola casa editrice. Nel 2014 ha vinto il Premio Gran Giallo Città di Cattolica. Il thriller Fiori sopra l'inferno, edito da Longanesi nel 2018, è il suo libro d'esordio. Tra i suoi libri ricordiamo anche: Ninfa dormiente (Longanesi, 2019) e Fiore di roccia (Longanesi, 2020). Del 2021 il romanzo La luce della notte, il ritorno dell'amatissima Teresa Battaglia in un romanzo di rinascita e speranza. Nello stesso anno esce Figlia della cenere (Longanesi).


Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 011834678 »