Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Sulle rive dei fossi, di Ernesto Flisi, edito in proprio 18/03/2023
 
Sulle rive dei fossi

di Ernesto Flisi

Premessa di Silvana Luppi

Edito in proprio

Poesia

Pagg. 62

Prezzo Euro 10,00 (*)


(*) Gli eventuali proventi derivanti dalla vendita di questa pubblicazione, una volta detratte le spese vive, saranno devoluti in beneficenza.


Natura e ricordi


Si tratta di un nuovo autore, nuovo per me, perché Ernesto Flisi non è al suo esordio con questa raccolta che sostanzialmente raggruppa tre sillogi tematiche (Il pentagramma della vita, Il succedersi del tempo, Caratterizzazioni umane). Se anche gli argomenti trattati sono diversi c’è un legame fra tutti ed è dato da una vena crepuscolare che accompagna le poesie. Non è tristezza, bensì qualcosa di meno gravoso, ma che evidentemente è innato, perché è più esatto parlare di malinconia. E questa nota mi sembra una caratteristica degli autori rivieraschi del Po che fino ad adesso ho esaminato, dai viadanesi Ernesto Flisi e Gabriele Oselini alla sermidese, ormai da tempo extra muros, Daniela Raimondi, e potrei inserirmi anch’io, visto che da più di una quarantina di anni risiedo a Borgo Virgilio. Questa comunanza non mi sembra un caso, perché evidentemente il fiume, il grande Po, anche se ora è ridotto quasi a un rigagnolo, esercita un influsso su chi è radicato sulle sue sponde, tanto è vero che ci unisce un comune amore per la natura e per i ricordi. Sono questi ultimi soprattutto a determinare una vena malinconica, forse per un inconscio rimpianto di ciò che è stato (ovviamente di bello) e che mai più ritornerà. In ordine a questo preambolo non intendo andare oltre perché mi pare giusto approfondire il discorso della poetica di Ernesto Flisi.

Mi sembra un autore dall’animo mite, visti i toni pacati, mai ridondanti e senza che sia incline a una perniciosa retorica. Quasi a voler confermare ciò che dianzi ho esposto il rimpianto è tangibile nei versi come nel caso di Passato (Non torneranno più / i fiori di questa estate. / / I sorrisi negati, / saranno, / irrimediabilmente, / perduti. / Forse resterà / un amaro rimpianto, o, / peggio, / un inconsapevole astio. /…). E’ vero, ci sono stagioni, quelle della vita di ognuno, che non torneranno più e si potrà arrivare a un punto che si rimpiangerà ciò che si avrebbe potuto fare, e non si è fatto, e ci si lamenterà di ciò che si è fatto e non si sarebbe dovuto fare.

Peraltro Flisi scrive dei punti fermi della vita di ogni individuo, come la casa e l’amore, nonché del succedersi del tempo con cui prendiamo coscienza del nostro esistere, grazie a precisi punti di riferimento, che possono essere, per esempio, il Capodanno (All’alba / si ricompone / la gelida notte, / dopo l’amara festa, a celebrar la vita che fugge. /…)., ma soprattutto ai Ricordi (Ricordo un’aia / in un assolato meriggio ( di abbacinante luce / e festosi bimbi / a rimescolar, disteso, / il granturco a seccare. /…). Come si può notare, sono ricordi tipicamente padani e rurali, come l’aia con sopra il mais raccolto e sgranato, di continuo rimescolato affinché si secchi uniformemente. Per quanto ovvio poi ce ne sono altri, ma motivi di tempo e spazio mi impediscono di parlarne, tanto più che mi corre l’obbligo di un’ultima annotazione sulle caratterizzazioni umane, fra le quali mi ha colpito Soffio, con quell’accenno misurato e pacato, ma che costituisce un’inesorabile premessa (Ci passa accanto / come soffio di brezza / la vita / imperscrutabile, / inarrestabile, impalpabile. /…), una poesia che è il paradigma della malinconia, con la consapevolezza della nostra temporaneità che ci costringe a vivere su un palcoscenico in cui siamo precari attori che cercano di comprendere il senso della commedia prima che cali il sipario.

La raccolta mi sembra riuscita, sia per la struttura che rende piacevole la lettura, sia per i contenuti che di certo non mancano, e graziose sono anche le illustrazioni che di tanto in tanto si accompagnano ai versi. Per un’opinione abbastanza esauriente sull’autore invece occorrono altri testi da esaminare, ma ho la sensazione che possano essere dell’ottimo livello di questo.


Ernesto Flisi è nato a Viadana, in provincia di Mantova. Ha trascorso tutta la sua vita nella scuola, da docente e dirigente scolastico. Come autore di versi, ha pubblicato nel 2016 “Fiori di campo” per Book Sprint edizioni. Altre composizioni sono state pubblicate in vari anni nei “Quaderni del caffè letterario”, guidato da A.M. Cirigliano, editi a Mantova da Il Rio; altre ancora in pubblicazioni sparse. Ha collaborato a diversi studi di storia locale. Da segnalare una monografia edita nel 2019 dalla Società Storica viadanese, intitolata “Il Commissario e l’Arciprete”, incentrata su un forte contrasto tra l’autorità religiosa e quella austriaca poco prima della proclamazione dell’Indipendenza dell’Italia. Nel presente lavoro emerge l’attenzione alle vere questioni della vita umana, che non trovano quasi mai riscontro nelle comunicazioni di massa. Sullo sfondo campeggia sempre l’occhio meravigliato per la campagna padana. Sono gradite valutazioni, suggerimenti e altro all’indirizzo flisiernesto@libero.it


Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 014395247 »