Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Di casa in casa, la vita, di Piero Chiara, edito da Mondadori 05/04/2023
 

Di casa in casa, la vita

di Piero Chiara

Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.

Narrativa

Pagg. 192

ISBN 9788804765202

Prezzo Euro 12,50



Un Chiara diverso, ma sempre di qualità



Si tratta indubbiamente di narrativa, anche se in realtà sono prose varie, che vanno dalle memorie alla descrizione di alcuni personaggi particolari, da fatti di cronaca ad acute riflessioni, un campionario di scritti da cui emergono sempre le grandi qualità di scrittore di Piero Chiara. Ce n´è uno, in particolare, intitolato 1945: mezzi di fortuna, con il quale ci racconta un avventuroso viaggio da Luino a Reggio Emilia nell´Italia disastrata dei giorni immediatamente successivi alla Liberazione. Ebbene, se uno vuol rendersi conto di come era il nostro paese in quell´epoca deve assolutamente leggerlo, perché, a parte la descrizione della gente che viaggia come può, con il treno che si ferma, perché il ponte, bombardato, non c´è più e occorre proseguire traghettando con delle barche, c´è quest´aria di provvisorio che si respira a pieni polmoni, con un senso di precarietà che sta volgendo però verso una rinascita, una speranza che permetterà al paese Italia di rialzarsi dopo una guerra disastrosa. E´ certo, comunque, che chi si aspetta le solite prose di Chiara, ambientate a Luino o comunque in piccole realtà, permeate di ironia e capaci non solo di far sorridere, ma anche di ridere, potrebbe restare deluso. Non potrà comunque non apprezzare il tono colloquiale con cui vengono narrati fatti di diversi anni fa, felicemente scelti, perché ci danno più di un´idea di come si vivesse allora.

Un´opera minore? Non direi, perché le qualità dell´autore ci sono tutte, si tratta invece di un lavoro diverso, come diversi sono i generi delle prose di questa raccolta.

Se è pur vero che alcune sono meno interessanti, ce ne sono però altre, come quella di cui ho scritto sul viaggio avventuroso fino a Reggio Emilia, che danno tono e pregio al libro, tanto da consigliarne la lettura.




Piero Chiara nacque a Luino nel 1913 e morì a Varese nel 1986. Scrittore tra i più amati e popolari del dopoguerra, esordì in narrativa piuttosto tardi, quasi cinquantenne, su suggerimento di Vittorio Sereni, suo coetaneo, conterraneo e grande amico, che lo invitò a scrivere una delle tante storie che Chiara amava raccontare a voce. Da Il piatto piange (Mondadori, 1962), che segna il suo esordio vero e proprio, fino alla morte, Chiara scrisse con eccezionale prolificità, inanellando un successo dopo l'altro. E' stato autore particolarmente fecondo e fra le sue numerose pubblicazioni figurano Il piatto piange (1962), La spartizione (1964), Il balordo (1967), L'uovo al cianuro e altre storie (1969), I giovedì della signora Giulia (1970), Il pretore di Cuvio (1973), La stanza del Vescovo (1976), Il vero Casanova (1977), Il cappotto di Astrakan (1978), Una spina nel cuore (1979), Vedò Singapore? (1981), Il capostazione di Casalino e altri 15 racconti (1986).


Renzo Montagnoli


 
©2006 ArteInsieme, « 014422600 »